Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconChiesa
line break icon

Come e con chi devono celebrare la Prima Comunione i figli di genitori divorziati?

FIRST COMMUNION

Shutt2016 - Shutterstock

Dolors Massot - pubblicato il 05/06/18

Non è facile riunire la famiglia spezzata di un bambino, ma ci sono criteri che aiutano a far sì che sia il suo giorno più speciale

Negli ultimi anni della sua vita, qualcuno chiese a Napoleone quale fosse stato il suo giorno più felice. Senza esitare, colui che era diventato imperatore di Francia rispose che il giorno in cui aveva provato la gioia più grande era stato quello della sua Prima Comunione.

Per molti bambini e molte bambine, la Prima Comunione è una data molto speciale del calendario, e le loro famiglie fanno di tutto perché sia un giorno indimenticabile.

Come riuscirci, però, quando i genitori del bambino o della bambina sono separati o divorziati? È chiaro che l’ideale è una famiglia unita, ma per quante famiglie per varie ragioni, a volte dolorose, non è possibile!

Non è facile, ma non è neanche impossibile. Si tratta di un giorno pieno di emozioni e ricordi, ma bisogna saperli incanalare perché prevalga l’amore nei confronti del figlio. Ecco qualche suggerimento:

1. L’aspetto più importante del giorno della Prima Comunione è che il bambino riceverà il sacramento dell’Eucaristia, non i regali, né le parole, né la festa né il vestito.

2. Anche se i genitori non vivono più insieme, continuano ad avere una missione in comune: essere genitori, e questo li unisce. Ricordare questo fatto permetterà loro di passare sopra le questioni personali e di agire a favore del figlio o della figlia.

3. Ciò implica responsabilità (anche economica) da entrambe le parti: vestito, fiori in chiesa… E anche pazienza, mordersi la lingua se serve, preparare i familiari di entrambe le parti perché nessuno usi quel giorno come campo di battaglia…

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
divorziogenitoriprima comunioneseparazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni