Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La lettera inedita di Pio XII: ho visto il “miracolo del sole”

Condividi

Il papa descrive cosa ha visto, per la prima volta, nell’ottobre 1950. Un evento che ricorda Fatima. Ecco le sue parole

Pio XII sostiene di avere visto il Miracolo del Sole. Proprio come quello di Fatima. Padre Leonardo Sapienza, reggente della Casa Pontificia, pubblica il contenuto nel suo libro “La barca di Paolo” (Edizioni San Paolo), un inedito dattiloscritto del pontefice.

Un pomeriggio, nel corso della consueta passeggiata nei giardini vaticani, il Papa vede qualcosa di insolito fissando il sole: un fenomeno simile al miracolo raccontato in occasione dell’ultima apparizione di Fatima, il 13 ottobre 1917.

Finora, in relazione a questo evento straordinario, si conosceva la testimonianza riportata da Suor Pascalina Lehnert e dalle altre Suore addette all’appartamento pontificio.

Le 4 di pomeriggio

Ecco le parole di Pio XII: «Era il 30 ottobre 1950, antivigilia del giorno – da tutto il mondo cattolico atteso con tanta ansia – della solenne definizione dell’Assunzione in cielo di Maria Santissima. Verso le ore 4 di pomeriggio. facevo la consueta passeggiata nei giardini vaticani, leggendo e studiando, come di solito, varie carte di ufficio. Salivo dal piazzale della Madonna di Lourdes verso la sommità della collina, nel viale di destra che costeggia il muraglione di cinta».

Il sole opaco

Ad un certo momento, ricorda il papa, «avendo sollevato gli occhi dai fogli che avevo in mano, fui colpito da un fenomeno, mai fino allora da me veduto. Il sole, che era ancora abbastanza alto, appariva come un globo opaco giallognolo, circondato tutto intorno da un cerchio luminoso, che però non impediva in alcun modo di fissare attentamente il sole, senza riceverne la minima molestia. Una leggerissima nuvoletta trovavasi davanti».

Quattro volte

Il globo opaco, prosegue Pio XII, «si muoveva all’esterno leggermente, sia girando, sia spostandosi da sinistra a destra e viceversa. Ma nell’interno del globo si vedevano con tutta chiarezza e senza interruzione fortissimi movimenti. Lo stesso fenomeno si ripeté il giorno seguente, 31 ottobre, e il 1° novembre, giorno della definizione; poi di nuovo l’8 novembre, ottava della stessa solennità. Quindi non più».

Nuovi tentativi

Poi più nulla. «Varie volte cercai negli altri giorni, alla stessa ora, e in condizioni atmosferiche eguali o assai simili – prosegue Pio XII – di guardare il sole per vedere se appariva il medesimo fenomeno, ma invano; non potei fissare il sole nemmeno un istante, rimanendo subito la vista abbagliata. Questa è, in brevi e semplici termini, la pura verità».

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni