Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le monache nei monasteri possono usare Internet? La Santa Sede risponde

Condividi

Il Papa autorizza nuove disposizioni per la vita contemplativa femminile: “Separazione dal mondo” reale, spirituale e non solo simbolica

In un mondo che cambia, dunque, i nuovi mezzi “devono essere usati con sobrietà e discrezione, non solo riguardo ai contenuti ma anche alla quantità delle informazioni e al tipo di comunicazione, affinché siano al servizio della formazione alla vita contemplativa e delle comunicazioni necessarie, e non occasione di dissipazione o di evasione della vita fraterna in fraternità, né danno per la vostra vocazione, né ostacolo per la vostra vita interamente dedita alla contemplazione”.

“L’uso dei mezzi di comunicazione, per motivo di informazione, di formazione o di lavoro, può essere consentito nel monastero, con prudente discernimento, ad utilità comune, secondo le disposizioni del Capitolo conventuale contenute nel progetto comunitario di vita”, aggiunge il testo.

Il documento esorta le monache ad avere “la doverosa informazione sulla Chiesa e sul mondo, non con la molteplicità delle notizie, ma sapendo coglierne l’essenziale alla luce di Dio, per portarle nella preghiera in sintonia con il cuore di Cristo”.

Con questa Istruzione, il dicastero vaticano vuole “confermare l’alto apprezzamento della Chiesa per la vita monastica contemplativa e la sua sollecitudine per salvaguardare l’autenticità di tale peculiare forma della sequela Christi”.

Le nuove disposizioni hanno come precedente la Costituzione apostolica sulla vita contemplativa femminile Vultum Dei quaerere, scritta da Papa Francesco e pubblicata il 22 luglio 2016.

“Nella nostra società la cultura digitale influisce in modo decisivo nella formazione del pensiero e nel modo di rapportarsi con il mondo e, particolarmente, con le persone. Questo clima culturale non lascia immuni le comunità contemplative”, ricorda Francesco in quel testo.

Il documento Cor orans è stato presentato nella Sala Stampa vaticana da monsignor José Rodríguez Carballo, O.F.M., segretario della Congregazione per gli Istituti di Vita Consacratae le Società di Vita Apostolica, e padre Sebastiano Paciolla, O. Cist., sottosegretario del dicastero.

Monsignor Carballo ha spiegato che l’Istruzione “tratta il tema molto attuale dei mezzi di comunicazione”, ribadendo quanto già specificato da Papa Francesco nella Costituzione menzionata e chiedendo alle monache “maturità di giudizio e capacità di discernimento, e soprattutto amore alla propria vocazione contemplativa”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni