Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconApprofondimenti
line break icon

Dove ha vissuto Maria dopo la Resurrezione?

MARY'S HOUSE

Andrew Hurley | CC BY SA 2.0

Philip Kosloski - pubblicato il 10/05/18

La Scrittura e la tradizione ci offrono alcune possibilità

Dopo che Gesù è risorto dai morti ed è asceso al Cielo, dov’è andata sua Madre? La Scrittura non ci dà un’informazione precisa, ma offre vari indizi.

È generalmente accettato che al momento della morte di Gesù il suo padre putativo Giuseppe fosse già defunto. Questo avrebbe reso Gesù il membro della famiglia incaricato di sua madre.

Quando stava per morire sulla croce, Gesù ha detto a uno dei suoi discepoli di prendersi cura di lei:

“Gesù allora, vedendo la madre e lì accanto a lei il discepolo che egli amava, disse alla madre: «Donna, ecco il tuo figlio!». Poi disse al discepolo: «Ecco la tua madre!». E da quel momento il discepolo la prese nella sua casa” (Giovanni 19, 26-27).

La maggior parte degli esperti di Scrittura concorda con una tradizione secondo la quale “il discepolo che egli amava” era San Giovanni Evangelista.

Inizialmente sembra che Giovanni si sia preso cura di Maria a Gerusalemme, come si legge nel Libro degli Atti degli Apostoli:

“Allora ritornarono a Gerusalemme dal monte detto degli Ulivi, che è vicino a Gerusalemme quanto il cammino permesso in un sabato. Entrati in città salirono al piano superiore dove abitavano. C’erano Pietro e Giovanni, Giacomo e Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo, Giacomo di Alfeo e Simone lo Zelòta e Giuda di Giacomo. Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i fratelli di lui” (Atti 1, 12-14).

Ciò vuol dire che almeno dopo la morte, resurrezione e ascensione di Gesù Maria ha vissuto con gli apostoli a Gerusalemme. Secondo una tradizione, è lì che ha vissuto per il resto della sua vita, ripercorrendo la “Via Crucis” ogni giorno, seguendo i passi di suo Figlio. In base a questa tradizione, l’assunzione di Maria ha avuto luogo a Gerusalemme, e gli apostoli ne sono stati testimoni.

Ancora oggi esiste una chiesa vicino al Monte degli Ulivi che si dice sia il luogo della sepoltura di Maria ed è venerata dalla Chiesa ortodossa orientale. C’è anche un altro luogo a Gerusalemme, chiamato chiesa della Dormizione, gestito dai monaci benedettini. Entrambi i luoghi rivendicano di essere quello dell’assunzione di Maria in Cielo.

Un’altra tradizione dice che l’evangelista Giovanni si recò ad Efeso. Molti credono che visto che Giovanni viveva in questa città, la Vergine Maria fosse con lui e la sua assunzione abbia avuto luogo lì. Questa convinzione è stata poi rafforzata da alcune rivelazioni private della beata Anna Caterina Emmerich nel XVIII secolo, che hanno situato la casa della Vergine Maria proprio ad Efeso.

Nel 1891, suor Marie de Mandat-Grancey ha scoperto in questa città un’abitazione risalente al I secolo e le rovine di una chiesa costruita su di essa nel IV secolo. Il sito è diventato luogo di pellegrinaggio per molte persone, tra le quali vari Papi dell’ultimo secolo.

Ad ogni modo, ovunque Maria abbia vissuto negli ultimi giorni della sua vita, quando è stata assunta in Cielo è diventata nostra Madre e resta la Madre della Chiesa, che intercede sempre per noi presso suo Figlio.

Tags:
resurrezionevergine maria

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni