Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo
News

Il punto sulla situazione di Alfie Evans

POPE FRANCIS - ALFIE EVANS

Pope Francis | Antoine Mekary | ALETEIA - Alfie Evans | @Alfiesarmy16 | Twitter

Lucandrea Massaro - Aleteia Italia - pubblicato il 24/04/18

Respira in maniera autonoma, forse tornerà a casa ma - per ora - non in Italia

Aggiornamento delle 15:00 (da Giovanni Marcotullio, inviato di Aleteia a Liverpool): abbiamo incontrato i nonni di Alfie, ossia i due genitori di Thomas. Alla nostra domanda su come stia il nipotino che degli uomini potenti vorrebbero morto hanno risposto con un solare: «Sta bene! Respira da solo, ormai da 18 ore… Sì, ha qualche dolore al petto e bisogna assisterlo, ma sta bene». Ecco una notizia che può rinfrancare le domande di quanti (moltissimi) in queste ore ci hanno scritto e ci scrivono. La situazione resta diplomaticamente delicatissima, ma il quadro clinico è molto meno preoccupante di quanto sperassero i fautori della condanna a morte. In effetti, detta situazione può risolversi o degenerare proprio in ragione di questo preciso elemento. Il giudice ha comunque escluso la possibilità di un trasferimento in Italia.


Al piccolo Alfie Evans è stata concessa la mascherina con l’ossigeno per respirare meglio, ma non è più attaccato alle macchine dalle 22:30 di ieri sera (ora locale) e nel frattempo viene idratato. L’equipe dell’ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma è pronta per partire per Liverpool con un aereo fornito dal ministero della Difesa, notizia confermata dalla Presidente del nosocomio, Marinella Enoc ai microfoni di Radio 24 dove ha aggiunto:  “Ho parlato poco fa con Thomas, il padre di Alfie. In questo momento Alfie ha la mascherina per l’ossigeno però c’è bisogno di trasportarlo. Poco fa ho parlato con l’ambasciatore (italiano a Londra, ndr.) Trombetta a cui ho detto che l’equipe del Bambino Gesù è allertata e pronta a partire in pochi minuti. Il ministro Pinotti si sta attivando per dare l’aereo. La situazione va risolta in pochi minuti” (Quotidiano.net).




Leggi anche:
L’Italia concede la cittadinanza ad Alfie!

Senza dietrologie ma è evidente che c’è una qualche sinergia istituzionale tra la Santa Sede e il Governo Italiano che, nei fatti, ha mobilitato tre ministri di peso prima per conferire d’urgenza la cittadinanza (Esteri e Interno) e ora per il trasporto (Difesa) per portare in salvo il piccolo Evans in un ospedale che oltre ad essere una eccellenza internazionale è anche di proprietà (e di territorialità) della Santa Sede.


ALFIE EVANS

Leggi anche:
Notte di veglia con Alfie Evans, all’Alder Hey e in Italia

La ripresa di una respirazione autonoma è un esito molto diverso da quanto preventivato dai medici dell’Ospedale Alder Hey, convinti che potesse sopravvivere solo qualche decina di minuti.  Per la madre Kate è la dimostrazione che “questi dottori hanno torto”. Tesi ribadita dal padre Tom che al programma tv Good Morning Britain ha raccontato:

“Per 9 ore Alfie ha respirato da solo. E’ arrivato un momento in cui Kate si è proprio addormentata accanto a lui. Stiamo controllando i suoi livelli. Il suo livello di ossigeno è inferiore a 70 perché sta faticando”. Evans ha anche ripercorso il momento in cui la situazione si è sbloccata: “Mi sono messo a sedere con i medici e ho detto che questo stava diventando un crimine. Affamarlo di cibo e idratazione, potenzialmente di ossigeno. Così mi sono seduto con i dottori. Abbiamo avuto un incontro di circa 40 minuti e hanno detto di sapere che ho ragione e avevo sempre avuto ragione. Non sta nemmeno soffrendo” (Fatto Quotidiano).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
Alfie Evansgovernoospedale pediatrico bambino gesupapa francesco
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni