Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Diffusi i risultati dell’autopsia del seminarista morto dopo aver servito la Messa di Pasqua del Papa

Anthony Freeman
Anthony Freeman / Instagram
Condividi
Commenta

La sua condizione colpisce soprattutto uomini tra i 20 e i 50 anni

La Congregazione dei Legionari di Cristo ha diffuso il 6 aprile una dichiarazione relativa alla morte di un confratello, il giovane seminarista statunitense Anthony Freeman.

Fratello Anthony aveva appena terminato gli esercizi spirituali e aveva servito la Messa della Domenica di Pasqua presieduta da Papa Francesco in Piazza San Pietro.

È stato trovato morto il pomeriggio del Lunedì dell’Angelo. Aveva 29 anni.

In base alla dichiarazione, “Fratello Anthony Freeman, LC, è morto la notte tra il 1° e il 2 aprile, a 29 anni, nel Collegio Internazionale dei Legionari di Cristo a Roma. Secondo i risultati dell’esame medico comunicato alla Congregazione oggi, venerdì 6 aprile, la morte è stata dovuta a una cardiomiopatia dilatativa”.

La Clinica Mayo spiega che la cardiomiopatia dilatativa potrebbe non comportare sintomi, ma in alcune persone può provocare la morte.

La dichiarazione della Congregazione ha anche sottolineato che sono passate varie ore prima che venisse rinvenuto il corpo del seminarista.

Spiega il testo:

Il 2 aprile, alle 11.15, circa 40 fratelli della sua comunità, accompagnati dal rettore, sono partiti su vari veicoli per recarsi un luogo vicino Sorrento per qualche giorno di riposo e relax.

  • Fratello Anthony aveva concordato con l’organizzatore del viaggio che il 2 aprile sarebbe andato a Sorrento in treno per far visita ad alcune persone prima di giungere al luogo in cui si sarebbe fermata la comunità, e poi avrebbe chiamato per far sapere all’organizzatore se aveva bisogno che qualcuno lo andasse a prendere o avrebbe raggiunto il resto del gruppo per conto suo.
  • Il 2 aprile, al momento della partenza, i fratelli hanno notato la sua assenza, e i responsabili hanno pensato che fosse partito in treno presto come progettato. Durante il viaggio, uno dei suoi compagni ha provato a contattarlo telefonicamente ma non ha ottenuto risposta. Quando si sono fermati per il pranzo ha detto al rettore che era strano che fratello Anthony non rispondesse, e il rettore gli ha detto di mandare un messaggio al superiore a Roma per sapere se aveva notizie di lui.
  • Tra le 16.00 e le 16.30 del 2 aprile sono andati a cercarlo nella sua stanza e lo hanno trovato morto. Si è proceduto a chiamare le autorità competenti perché potessero iniziare le dovute indagini che avrebbero chiarito la situazione.

Fr. Anthony era attivo su Facebook e Instagram con le sue pagine di Catholic Life Coach. Aveva anche un sito web, branthonyfreeman.com, e a gennaio aveva pubblicato un libro. Sarebbe stato ordinato diacono quest’anno a Houston.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni