Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 17 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconSpiritualità
line break icon

Verso il Calvario, gli schemi umani mettono a morte la Verità ma non le sue opere

GIRL, KISS, CROSS

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 23/03/18

In prossimità della Settimana Santa, abbandoniamo ciò di cui siamo convinti e guardiamo una volta di più la presenza viva di Gesù

In quel tempo, i Giudei portarono di nuovo delle pietre per lapidarlo.
Gesù rispose loro: «Vi ho fatto vedere molte opere buone da parte del Padre mio; per quale di esse mi volete lapidare?».
Gli risposero i Giudei: «Non ti lapidiamo per un’opera buona, ma per la bestemmia e perché tu, che sei uomo, ti fai Dio».
Rispose loro Gesù: «Non è forse scritto nella vostra Legge: Io ho detto: voi siete dei?
Ora, se essa ha chiamato dei coloro ai quali fu rivolta la parola di Dio (e la Scrittura non può essere annullata),
a colui che il Padre ha consacrato e mandato nel mondo, voi dite: Tu bestemmi, perché ho detto: Sono Figlio di Dio?
Se non compio le opere del Padre mio, non credetemi;
ma se le compio, anche se non volete credere a me, credete almeno alle opere, perché sappiate e conosciate che il Padre è in me e io nel Padre».
Cercavano allora di prenderlo di nuovo, ma egli sfuggì dalle loro mani.
Ritornò quindi al di là del Giordano, nel luogo dove prima Giovanni battezzava, e qui si fermò.
Molti andarono da lui e dicevano: «Giovanni non ha fatto nessun segno, ma tutto quello che Giovanni ha detto di costui era vero».
E in quel luogo molti credettero in lui. (Gv 10,31-42)

L’aria è divenuta tesissima nel vangelo. Si intuisce che siamo ormai alle soglie della settimana santa. Anche oggi il vangelo racconta di come ormai gli animi sono esasperati e i Giudei si convincono sempre di più che Gesù vada eliminato. Qui il problema non è più avere o non avere ragione. Qui il problema è che Gesù ha messo completamente in discussione lo schema che essi hanno nel credere, e si sa che a volte diventa più importante lo schema della fede stessa, perché lo schema ci rassicura, lo schema ci dà una certezza umana.

Mettere in discussione uno schema significa un po’ mettere in discussione una certezza, e preferiamo uccidere la Verità pur di non toccare lo schema umano che ci siamo creati. I Giudei contemporanei a Gesù non sono né meglio né peggio di noi. Anche noi da credenti, e da discepoli di Cristo, corriamo il medesimo rischio dei Giudei. Anche per noi può capitare di considerare più importante lo schema che la Verità stessa. E si sa che la Verità è un fatto, mentre lo schema a volte è solo una costruzione dentro la nostra testa. Così arriviamo a negare i fatti pur di salvare «quello di cui siamo convinti».

È in un clima così che si prepara l’idea finale di uccidere Gesù, e noi magari ci troviamo alle stesse condizioni e alle stesse decisioni: farLo fuori perché mette in discussione i nostri schemi. «Se non credete a me, credete almeno alle opere che io compio». È così che Gesù cerca di riportare tutti a una ragionevolezza di fondo, e sembra paradossale che debba essere proprio Gesù a dover difendere la ragionevolezza delle cose. Ma a pensarci bene non è strano perché un’autentica fede non è la contraddizione della ragione, ma il suo uso più alto e più vertiginoso. Una ragione funziona davvero però solo a patto che parta dai fatti, diversamente si fa sempre una brutta fine. «Tornare ai fatti», sembra questo l’invito di Gesù, perché sa bene che «contro i fatti non valgono gli argomenti». Ma sappiamo bene che l’unico fatto che fu preso sul serio era quello della sua morte.

#dalvangelodioggi

Tags:
vangelo

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
3
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
4
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
EUCHARIST
Philip Kosloski
Preghiere da recitare all’elevazione dell’Ostia a Messa
7
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni