Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Per favore, aiutaci a mantenere questo servizio importante. IMPEGNATI ORA
Aleteia

L’Ave Maria di un protestante e l’incontro con la verità

ASSUMPTION OF MARY
Condividi

La storia emozionante di un bambino protestante che convertì tutta la sua famiglia al cattolicesimo attraverso l'Ave Maria

Un bambino protestante di appena sei anni sentiva sempre i suoi amichetti cattolici recitare l’Ave Maria. Quella preghiera gli piaceva così tanto che la copiò, la memorizzò e la recitava ogni giorno. “Mamma, guarda che bella preghiera”, disse un giorno alla madre. “Non dirlo mai più”, rispose la madre. “È una preghiera superstiziosa dei cattolici, che adorano gli idoli e pensano che Maria sia una dea. È una donna come tutte le altre. Vieni, prendi questa Bibbia e leggi. In essa troviamo tutto ciò che dobbiamo e non dobbiamo fare”.

Da quel giorno il bambino smise di recitare ogni giorno l’Ave Maria e iniziò a dedicare più tempo alla lettura della Bibbia. Un giorno, mentre leggeva il Vangelo, trovò un passo sull’Annunciazione dell’angelo alla Madonna. Pieno di gioia, il bambino corse dalla madre e disse: “Mamma, ho trovato l’Ave Maria nella Bibbia, che dice: ‘Ti saluto, o piena di grazia, il Signore è con te’ […] (Luca 1, 28). Perché hai detto che era una preghiera superstiziosa?”

In un’altra occasione trovò lo splendido saluto di Santa Elisabetta alla Vergine Maria (cfr. Luca 1, 42) e il meraviglioso cantico del Magnificat, nel quale Maria profetizzò: “Tutte le generazioni mi chiameranno beata” (Luca 1, 48). Non ne parlò con la madre, ma tornò a recitare ogni giorno l’Ave Maria come prima. Gli piaceva rivolgere quelle splendide parole alla Madre di Gesù, nostro Salvatore.

Quando aveva 14 anni, un giorno sentì una discussione tra i suoi familiari sulla Madonna. Tutti dicevano che Maria era una donna comune, come qualsiasi altra. Il ragazzino, dopo aver ascoltato quei pensieri errati, non resistette più, e pieno di indignazione li interruppe dicendo:

“Maria non è come gli altri figli di Adamo, macchiati dal peccato. No! L’angelo l’ha chiamata ‘piena di grazia’ e ‘benedetta tra tutte le donne’. Maria è la Madre di Gesù Cristo e quindi Madre di Dio. Non c’è dignità più alta per la quale una creatura possa essere creata. Il Vangelo dice che tutte le generazioni la chiameranno beata e voi state cercando di disprezzarla e sminuirla. I vostri spiriti non sono lo stesso Spirito del Vangelo o della Bibbia, che proclamate fondamento della religione cristiana”.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni

Milioni di lettori in tutto il mondo – compresi migliaia del Medio Oriente – contano su Aleteia per informarsi e cercare ispirazione e contenuti cristiani. Per favore, prendi in considerazione la possibilità di aiutare l'edizione araba con una piccola donazione.