Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 21 Aprile |
Sant'Anselmo d'Aosta (e di Canterbury)
home iconSpiritualità
line break icon

Dio è nel rischio che prendiamo scegliendo una strada nuova, non nella comodità di quella che conosciamo

Por Maria Savenko/Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 12/02/18

Il commento al Vangelo di don Luigi Maria Epicoco

In quel tempo, vennero i farisei e incominciarono a discutere con lui, chiedendogli un segno dal cielo, per metterlo alla prova.  Ma egli, traendo un profondo sospiro, disse: «Perché questa generazione chiede un segno? In verità vi dico: non sarà dato alcun segno a questa generazione». E lasciatili, risalì sulla barca e si avviò all’altra sponda (Marco 8,11-13)

La faccenda dei segni è e rimane una questione importante per ciascuno di noi, perché per vivere si ha bisogno di una strada da seguire, di un percorso da fare, di un alfabeto che ci permetta di interpretare la realtà per capirla davvero. Ma delle volte la ricerca dei segni è solo la ricerca di qualcosa che ci rassicuri e non di qualcosa che ci incoraggi a vivere. La vita è fatta anche di rischio, di incognite, di mistero. Per fare un viaggio bisogna sempre fare un investimento di fiducia. Chi cerca solo rassicurazioni alla fine non vive più perché non si può essere rassicurati su tutto. Ad un certo punto è giusto che ci sia anche il coraggio di una scelta, l’adrenalina del salto. La vita è più grande di una rassicurazione. Dio è più grande di una prova su di Lui. L’amore è più straripante di un argine di controllo. Se i segni servono a percorrere una strada allora sono segni buoni. Ma se i segni sono la scusa per non percorrere davvero nulla allora è bene che ci vengano tolti. La negazione di segni da parte di Gesù, così come ce ne riferisce il vangelo di oggi, è la negazione di tutto ciò che non ci può essere dato se non perché ci si è messi in gioco. Chi aspetta un segno per mettersi a giocare allora non capirà nulla di una partita, perché per capire una partita bisogna mettersi a giocarla. “«Perché questa generazione chiede un segno? In verità io vi dico: nessun segno sarà dato a questa generazione». E, lasciatili, salì di nuovo sulla barca e passò all’altra riva”. Mi preoccupa molto questo “lasciatili”. Chi da Dio cerca solo “segni” alla fine rimane da solo. Il segno più grande è saperci amati da Lui. Questo amore ci fa affrontare ogni mistero, ogni incognita, ogni precarietà. Questo amore è molto più di una rassicurazione, è un incoraggiamento a vivere. Dovremmo forse smettere di aspettare che “il sole balli” per credere in Lui, e cominciare invece a considerare quanto siamo amati sempre, anche quando il sole è fermo lì. È l’Amore che trasforma tutto in un segno, e non un segno che fa esistere l’Amore. #dalvangelodioggi

Tags:
vangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
2
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
PADRE ALDO TRENTO
Il blog di Costanza Miriano
Se un prete si innamora di una donna. Padre Aldo racconta la sua ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni