Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 19 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
home iconFor Her
line break icon

Beata Maria della Trinità, da senza Dio a tutta per Dio

© Diocèse de La Spezia

Itala Mela

Paola Belletti - Aleteia Italia - pubblicato il 01/02/18

La sua missione? Diffondere la verità dell'Inabitazione. Sarà Gesù stesso, dal Tabernacolo, a ordinaglielo

Prima della sua città, La Spezia, ad essere beatificata, Itala Mela è passata dal rifiuto rabbioso del divino, a causa della morte del fratellino di 9 anni, all’amore ardente per la Trinità, che ha bruciato tutto il resto.

La sua vicenda umana è una tela dipinta a tinte forti, che procede per contrasti. Sembra una sorta di lotta tra lei e Dio.

Nata il 28 agosto 1904 a La Spezia da genitori onesti ma lontani dalla fede, in seguito alla morte del fratellino Edoardo, di soli 9 anni avvenuta nel 1920, Itala, allora liceale, assume nei confronti di Dio una posizione di rifiuto e negazione. Se viene permesso tanto dolore innocente non può esserci nulla dopo la morte, pensa.

Il suo ateismo è di quelli professati con forza e orgoglio, sostenuto per ragioni tragiche e animato comunque da una sete di significato esistenziale.

Il Signore, e ne abbiamo riprova in molti modi contemplando le vite dei santi, ha atteso che la sua libertà desse un cenno e si è fatto presente.

Il cambiamento radicale di Itala avverrà infatti in seguito ad una sorta di movimento, di scossa interiore. Si trovava a Messa, aveva deciso di confessarsi e comunicarsi.

La cosa meravigliosa da notare è che era stato qualche compagno ad invitarla alla Messa. Si era iscritta infatti alla Facoltà di Lettere all’Università di Genova e sebbene ancora in pieno ateismo aveva deciso di vivere presso l’Istituto di “Nostra Signora della Purificazione”.

Negli anni universitari sarà legata in modo particolare ai cattolici della FUCI che si stava riorganizzando attorno a prossimi papi, laici impegnati, mistici fondatori… Il futuro Paolo VI sarà il motore principale; ma anche Divo Barsotti e Igino Righetti, un grande e poco apprezzato laico impegnato.

Itala, quel giorno – era la vigilia dell’Immacolata del 1922 – lancia la sfida al Dio che aveva a lungo rifiutato: “Signore, se ci sei, fatti sentire!”. 

  • 1
  • 2
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Van...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconf...
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anch...
DEATH PENALTY
Don Fortunato Di Noto
«"Cara" Lisa, oggi morirai con l'iniezione le...
DEATH PENALTY
Don Fortunato Di Noto
«"Cara" Lisa, oggi morirai con l'iniezione le...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni