Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 18 Settembre |
Roberto Bellarmino
home iconSpiritualità
line break icon

Perché cerchiamo Gesù Cristo?

CHRIST PANTOCRATOR

Carulmare CC BY 2.0

Nicea I: 325 Si tratta del primo grande concilio ecumenico. L’imperatore Costantino lo convocò per diverse ragioni, ma soprattutto per risolvere due problemi che infiammavano tutto il territorio imperiale, vale a dire lo scisma meleziano e (soprattutto) la controversia ariana. Il Niceno I fu quindi il “Concilio del Figlio”, nel quale Cristo venne riconosciuto e definito “consustanziale” al Padre, identico alla somma divinità nella sostanza e in tutto, fuorché nell’essere generato e non generante (ma grazie al concetto di “generazione eterna”, che Atanasio mutuò probabilmente da Clemente alessandrino, la generazione del Figlio fu radicalmente distinta da ogni creazione).

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 18/01/18

Il commento al Vangelo di oggi di don Luigi Maria Epicoco

In quel tempo, Gesù, con i suoi discepoli si ritirò presso il mare e lo seguì molta folla dalla Galilea. Dalla Giudea e da Gerusalemme, dall’Idumea e da oltre il Giordano e dalle parti di Tiro e Sidòne, una grande folla, sentendo quanto faceva, andò da lui.
Allora egli disse ai suoi discepoli di tenergli pronta una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero. Infatti aveva guarito molti, cosicché quanti avevano qualche male si gettavano su di lui per toccarlo.
Gli spiriti impuri, quando lo vedevano, cadevano ai suoi piedi e gridavano: «Tu sei il Figlio di Dio!». Ma egli imponeva loro severamente di non svelare chi egli fosse. (Marco 3, 7-12)

È impossibile per Gesù ritirarsi con tranquillità. C’è sempre una folla che lo cerca. L’attrattiva che Gesù esercita è incontenibile. Anche nel nostro mondo così secolarizzato e così apparentemente allenato a fare a meno di Dio, non si può rimanere indifferenti a Cristo. L’attrattiva che esercita sempre sul cuore dell’uomo non è soffocabile. Ci hanno provato in molti. Interi regimi e culture ideologizzate hanno tentato di estirpare l’attrazione che Cristo esercita sul cuore dell’uomo, ma non ci sono riusciti. Dovremmo sempre coltivare con lealtà la domanda di fondo che è posta al fondo del nostro cuore: perché Lo cerchiamo? Il Vangelo ci risponde così: “ne aveva guariti molti, così che quanti avevano qualche male gli si gettavano addosso per toccarlo”. Che guarigione opera Gesù? La guarigione della vita stessa.Chi incontra Cristo comincia di nuovo a percepire la vita come qualcosa di vivo, di possibile, di spendibile. L’incontro con Cristo è l’incontro con una vita viva. Egli non è semplicemente Colui che mi risolve un problema, ma è Colui che risolve innanzitutto me, donandomi un cambiamento proprio davanti ai problemi che la vita mi riserva. Cristo cambia il peso specifico delle nostre croci perché ci dona una possibilità nuova, che è quella di portarle insieme con Lui. Quando non si è soli tutto è possibile. Questo è il vero miracolo, la vera onnipotenza che Dio ci mette a disposizione: il Figlio Suo con noi. Ma il Vangelo ci aggiunge anche un dettaglio: “Allora egli pregò i suoi discepoli che gli mettessero a disposizione una barca, a causa della folla, perché non lo schiacciassero”. Si ha bisogno di spazi dove Cristo possa esserci senza il rischio di essere schiacciato. Penso alle nostre giornate: i nostri impegni, le nostre urgenze, le cose da fare rischiano sempre di schiacciare Cristo, di schiacciare la possibilità della vita stessa. Allora abbiamo bisogno di spazi, di “barche” dove permettere a Lui di esserci senza essere schiacciato da altro. Si chiamano “spazi di preghiera”, e ne abbiamo tutti bisogno.

#dalvangelodioggi

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
vangelo

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
THERESA GIUNI
Unione Cristiani Cattolici Razionali
Giuni Russo è giunta fino a Cristo per mano d...
3
GETAFE
Dolors Massot
Due sorelle giovanissime diventano suore contemporaneamente a Mad...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Paola Belletti
Tre suicidi tra i giovanissimi il 1°giorno di scuola
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni