Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 08 Marzo |
San Giovanni di Dio
home iconStorie
line break icon

Il bimbo del miracolo: è stato due mesi nel grembo della mamma “morta”

Miguel Ardila

Dolors Massot - pubblicato il 16/01/18

Le toccanti parole del papà

José Alejandro è appena nato alla Fondazione Cardiovascolare di Bucaramanga (Colombia) ed è considerato un “bambino del miracolo”, come lo ha definito una giornalista di Caracol TV.

La mamma del piccolo, purtroppo, è stata colpita da un’infezione polmonare un mese e mezzo fa, e questo le ha provocato la morte cerebrale. Di fronta a questa situazione, l’équipe medica ha ritenuto che esistesse la possibilità di salvare il bambino che portava in grembo se ne fosse stata favorita la crescita.

Nelle ultime sei settimane José Alejandro ha vissuto nell’utero della mamma i cui parametri vitali erano mantenuti in modo artificiale. I medici hanno spiegato che in questo modo il bimbo riceveva quello di cui aveva bisogno per svilupparsi nell’utero e poter nascere in salute.

“Voglio offrirgli il meglio”

Il bambino è nato con parto cesareo programmato e ora è Mario, il papà, che gli si dedica completamente.

“Voglio stare con lui, potergli offrire il meglio, poter essere il miglior papà possibile per José Alejandro”, ha affermato, ancora sconvolto per il fatto che né lui né il piccolo potranno contare sulla vicinanza fisica della mamma del bimbo.

Nonostante tutto, Mario è felice per la nascita del figlio: “Il sogno è stato realizzato”. Nella sua battaglia è sostenuto dall’équipe medica, composta da più di 50 persone, che da Bucaramanga ha offerto un esempio meraviglioso di progresso della medicina a favore della vita di ogni essere umano, ancor di più quando si trova in condizioni di assoluta vulnerabilità come nel caso di questo bambino.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
bambinicolombiamorte cerebralenascita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
SANREMO, FIORELLO, AMADEUS
Annalisa Teggi
10 canzoni che hanno parlato di Dio dal palco di Sanremo
3
MAN, DARKNESS, FACE
Annalisa Teggi
Quando al diavolo scappò detto cosa può davvero fare la preghiera
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
FETUS 3 MONTH,
Padre Maurizio Patriciello
Puoi parlare di aborto perché tua madre non ti fece trascinare vi...
6
Gelsomino Del Guercio
Prete morto per Covid: lo aveva “profetizzato” in una...
7
Paola Belletti
Laura Magli, giornalista Mediaset: “Mi sento così amata dal...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni