Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La vita del vero cristiano assomiglia a lavarsi i denti

Condividi

La riflessione di un dentista che trae insegnamenti edificanti da molari, incisivi e denti del giudizio

di Giovanni Biolo

Era una pausa pranzo accecata dal sole di luglio quando Giuseppe (il Mi dei #Mienmiuaif) mi disse: “Prima o poi dovrai scrivere anche tu qualcosa nel blog”. Io pensai all’istante: “Ecco, è il momento tanto atteso… farò il Rap!”. 
Invece Giuseppe: “No, tu parlerai della cosa che riesci a fare meglio… i denti!”. Ebbene sì, sono un dentista… un dentista trascendentale (come recita il ritornello di “Canzone per mollare un radical chic”), che cerca, spesso e volentieri fallendo, di vedere il quid divino dietro le piccole cose quotidiane, anche dietro (o dentro) i denti!

Leggi anche: Canzone per mollare un radical chic

Negli ultimi anni va di moda una scienza dentale olistica (io però non la pratico) che vede i denti legati agli equilibri energetici del corpo e del mondo: la “dentosofia”. Se esiste quindi la “dento-sofia”, mi sono detto che può anche esistere la “dento-teologia”! Quali insegnamenti morali e analogie si nascondono dietro ai nostri cari denti (“cari” nel senso economico del termine)?.

L’incisivo è appunto centrale perché è al centro del sorriso, il primo dente che si vede, quello che tutti controllano allo specchio e puliscono al meglio (magari tralasciando gli altri). Per cui ecco la prima indicazione: dobbiamo lavare bene tutti i denti, non solo quelli che si vedono. Dobbiamo quindi essere coerenti.

Essere coerenti, per noi cattolici, o sedicenti tali (io mi credo molto sedicente e poco seducente, o forse è il contrario non ricordo bene), significa predicare meno e provare a razzolare il meglio possibile, perché la gente “ascolta più volentieri i testimoni che i maestri”. Abbiamo bisogno di coerenza. Vi darebbe fiducia un dentista con i denti sporchi?

Che per essere coerenti non possiamo stare con Dio solo la domenica, lo sappiamo a memoria. Quello che è difficile è ricordarsi di Lui tutti i giorni, avere cioè “unità di vita”.

Leggi anche: Siamo anche noi cristiani a rischio “devitalizzazione”?

– Guardi dottore che io dico le preghiere come lavo i denti, mattina e sera
– Va bene, signora, molto bene, ma lei sa che lavare i denti è già orazione?

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni