Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 30 Gennaio |
Santa Giacinta Marescotti
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Cos’hanno in comune San Francesco e Buddha? Risponde il Papa

web3-pope-francis-buddist-myanmar-budha-000_up1l5-vincenzo-pinto-afp-ai

AFP Vincenzo Pinto

Ary Waldir Ramos Díaz - Aleteia Spagnolo - pubblicato il 01/12/17

Il Pontefice ha incontrato i monaci buddisti in Myanmar e si è tolto le scarpe in uno dei templi più venerati dell'Asia sud-orientale

Papa Francesco ha voluto gettare un ponte di dialogo con i buddisti, che cercano di liberarsi dal nazionalismo esacerbato per essere parte attiva nel processo di riconciliazione che vive il Myanmar. Incontrandoli, ha voluto riflettere con loro sugli elementi in comune tra cristiani e buddisti.

“La grande sfida dei nostri giorni è quella di aiutare le persone ad aprirsi al trascendente”, ha affermato il Papa nel suo terzo giorno in Myanmar e davanti al Consiglio Supremo “Sangha” dei monaci buddisti presso il Centro Kaba Aye il 29 novembre.

Dopo aver presieduto qualche ora prima una Messa davanti a 150.000 cristiani, il Papa ha invitato i leader spirituali buddisti a portare avanti l’impegno per il dialogo e il bene comune della Nazione birmana, a maggioranza buddista e che convive con 135 etnie diverse.

In questo senso, ha sottolineato che i cristiani e i buddisti hanno il compito comune di aiutare le persone a “guardarsi dentro in profondità” e a “conoscere se stesse in modo tale da riconoscere le reciproche relazioni che le legano a tutti gli altri”.

Ciò significa anche “rendersi conto che non possiamo rimanere isolati gli uni dagli altri. Se siamo chiamati ad essere uniti, come è nostro proposito, dobbiamo superare tutte le forme di incomprensione, di intolleranza, di pregiudizio e di odio”.

San Francesco d’Assisi e Buddha

In questo senso, il Papa ha compiuto un parallelismo tra gli insegnamenti di San Francesco d’Assisi, religioso fondatore dei Francescani e uno dei pionieri del dialogo interreligioso nella Chiesa cattolica, e l’asceta e saggio Buddha Gautama, che ha fondato il buddismo nel V secolo a.C. in India.

Il Papa ha invitato i monaci alla riflessione per aiutare i loro fedeli a lavorare per la pace, riconoscendo come guida per tutti le parole di Buddha: “Sconfiggi la rabbia con la non-rabbia, sconfiggi il malvagio con la bontà, sconfiggi l’avaro con la generosità, sconfiggi il menzognero con la verità (Dhammapada, XVII, 223)”.

Ha quindi compiuto un parallelismo con le parole del “poverello”, chiamato sette secoli fa a ricostruire la “Casa del Padre”.

“Sentimenti simili esprime la preghiera attribuita a San Francesco d’Assisi: ‘Signore, fammi strumento della tua pace. Dov’è odio che io porti l’amore, dov’è offesa che io porti il perdono, […] dove ci sono le tenebre che io porti la luce, dov’è tristezza che io porti la gioia’”.

Pazienza e comprensione

Quando è entrato nel tempio buddista più venerato nell’Asia sud-orientale, il Papa si è tolto le scarpe ortopediche nere, come si vede nella foto sotto.

Nel suo messaggio, il vescovo di Roma ha esortato a far sì che questa sapienza possa “continuare a ispirare ogni sforzo per promuovere la pazienza e la comprensione, e per guarire le ferite dei conflitti che nel corso degli anni hanno diviso genti di diverse culture, etnie e convinzioni religiose”.

Il Papa ha riconosciuto che questi sforzi per la pace e la riconciliazione “non sono mai solo prerogative di leader religiosi, né sono di esclusiva competenza dello Stato”, dell’“intera società”.

“Cari amici, possano i buddisti e i cattolici camminare insieme lungo questo sentiero di guarigione, e lavorare fianco a fianco per il bene di ciascun abitante di questa terra”, ha auspicato il Pontefice.

Francesco ha quindi salutato i monaci buddisti birmani “a nome dei miei fratelli e sorelle cattolici”, e ha espresso la disponibilità di tutti i cattolici “a continuare a camminare” con i buddisti e a “seminare semi di pace e di guarigione, di compassione e di speranza in questa terra”.

“Vi ringrazio nuovamente per avermi invitato ad essere oggi qui con voi. Su tutti invoco le benedizioni divine di gioia e di pace”, ha concluso.

Il buddismo è la quarta religione più importante del mondo, con oltre 500 milioni di adepti, ovvero il 7% della popolazione mondiale.

Il Centro Aye Kaba ospita il comitato Sangha Suprema dello Stato, che include 47 monaci buddisti di alto livello, designati per cinque anni dal Ministero per gli Affari Religiosi. È stato fondato nel 1980 per controllare il clero buddista in Birmania.

Dei circa 51 milioni di abitanti del Myanmar, più dell’87% è costituito da buddisti. I monaci e novizi buddisti sono 500.000.

pope-francis-myanmar-incontro-sangha_29nov-copyright_servizio-fotografico-losservatore-romano
L'Osservatore Romano

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
buddismomyanmarpapa francescoviaggio papale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni