Aleteia

Dove sto andando? Che cosa voglio? Che senso ha la mia vita?

Condividi
Commenta

"Quando abbiamo il coraggio di queste domande, significa che abbiamo il coraggio di interrogarci su Dio, perché Dio risponde a queste domande che riempiono tutta la nostra vita". (don Luigi Maria Epicoco)

In quel tempo, Gesù, quando fu vicino a Gerusalemme, alla vista della città pianse su di essa dicendo:
«Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi.
Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata». (Luca 19, 41-44)

“Quando fu vicino, alla vista della città pianse su di essa dicendo: “Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, quello che porta alla pace! Ma ora è stato nascosto ai tuoi occhi. Per te verranno giorni in cui i tuoi nemici ti circonderanno di trincee, ti assedieranno e ti stringeranno da ogni parte; distruggeranno te e i tuoi figli dentro di te e non lasceranno in te pietra su pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata””. Il pianto di Gesù nel Vangelo di oggi toglie le parole. Forse la vita è davvero una cosa seria, e forse non avremo sempre il tempo per capire e raddrizzare il tiro. C’è ad un certo punto per ciascuno di noi un punto di non ritorno. Un punto superato il quale non possiamo più tornare indietro. Ma oggi forse posso fermarmi e domandarmi dove sto andando, che cosa voglio veramente, che senso ha la mia vita. Quando abbiamo il coraggio di queste domande, significa che abbiamo il coraggio di interrogarci su Dio, perché Dio risponde a queste domande che riempiono tutta la nostra vita. Vivere senza di Lui o lontani da Lui significa vivere lontani da una risposta per cui vale la pena vivere. E la cosa che fa soffrire di più qualcuno che ti ama, non è sbagliare, ma vederti abituato alla tua infelicità. Vederti incapace di desiderare un cambiamento. Vederti appiattito e abituato all’aria rarefatta delle tue chiusure da non sentirne più nemmeno la puzza.

#dalvangelodioggi

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Condividi
Commenta
Tags:
vangelo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni