Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Carlotta Bertelli: tendere agguati alla bellezza che si svela

Condividi

Fotografa, moglie, madre. Ma prima di tutto sembra essere figlia

Clicca qui per aprire la galleria fotografica

Non li conosco di persona, me ne arriva un riverbero. Voglio far loro da sponda, al massimo spero di fare la torcia, che ci butta su un po’ di luce. Parlo di loro, marito e moglie. Fotografa professionista e hairstylist  per l’alta moda. Figlia e figlio tornati alla fede. Mamma e papà di Francesca Edith.

Carlotta Bertelli

Carlotta (Bertelli) e Gianluca (Guaitoli) si amano, da sposi, amati. Da Dio e dalla bellezza che li bracca su tutti i fronti, li accerchia e tende loro agguati. (Sentite in questa intervista come Gianluca parla di sé, del suo lavoro e di come è cambiato radicalmente da quando lo fa a quattro mani con il Signore!)

Leggendo la loro storia, qua, mi è tornato alla mente un episodio di dodici anni fa, circa. Un incontro fugace in un parcheggio, due minuti di parole e un affaccio imprevisto sul mondo di luce e spirito al quale la nostra carne fa velo, no, non sempre. Lo mette in scena.

Facevo selezione del personale. Stavamo cercando alcuni commerciali tosti, per vendere servizi complessi ad aziende, il B2B. Con un po’ di ricerca diretta arrivo ad incontrare alcune persone con storie professionali notevoli.
Dietro due fogli di curriculum, dei mondi. La mia fatica, e anche la professionalità cercata, si concentrava nel voler approfondire ma poi nel dovere circoscrivere.

Eppure da quelle “chiacchiere strutturate a scopo ricerca personale” tracimava la vita.

Finisce la mattinata di colloqui. Un candidato ed io ci troviamo per caso vicini nel parcheggio dal quale avevamo voglia di partire entrambi, stanchi della tensione della mattinata e affamati.

Ma quel giovane uomo mi racconta che quello che ci eravamo detti poco prima gli era rimasto attaccato. “Sì, la bellezza chiama, come dicevamo. È proprio vero”. E mi racconta di una modella, una ragazza giovane e bellissima con cui aveva collaborato, che non per la nausea della moda e della bellezza estetica ma perché quella era solo un indizio che lei ha seguito, affamata, lei pure, si era “fatta suora”. Di clausura. Ed era bella, bellissima. Di più ancora, dopo, sebbene “spogliata”. Nel raccontarlo ha capito che non si era ingannato.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.