Aleteia

Come ho capito di essermi innamorato della persona giusta?

Shutterstock
Condividi
Commenta

Il racconto sincero di un uomo

Come uomo, sapevo che dovevo trovare qualcuno che mi incentivasse ad essere un leader, a lavorare, a studiare, ad essere, diciamo così, un uomo biblico. La cosa più buffa è che anche se io ero già perdutamente innamorato di lei, quella ragazza non provava lo stesso per me, il che alla fin fine è un bene, perché l’uomo deve conquistare.

Dico questo non per vantarmi di averla conquistata, ma per dire che voi ragazze dovete essere difficili. Non date il vostro cuore a un uomo qualsiasi. Valorizzatevi, anche se questo vuol dire stare un po’ di tempo da sole. Sappiate che l’uomo giusto lotterà coraggiosamente per voi, anche se ci vorranno settimane, mesi o forse anni – ricordate la storia di Giacobbe, che lavorò per sette anni per avere Rachele ma “(…) gli sembrarono pochi giorni tanto era il suo amore per lei” (Gn 29, 20).

Ricordo di aver detto a me stesso e alla ragazza che non mi sarei innamorato, ben sapendo che in fondo già lo ero. Ho iniziato ad avvicinarmi a poco a poco, con qualche scherzo. La facevo ridere perché sentivo che era triste. Lo era davvero, e io me ne rendevo conto. Ho iniziato a percepire che gradiva la mia compagnia, anche se non lo dimostrava molto apertamente, e questo mi ha spinto a continuare a cercare di conquistarla.

Dopo qualche giorno abbiamo provato ad allontanarci, capendo in questo modo quanto eravamo legati, perché sentivamo molto la mancanza l’uno dell’altra. Lei è tornata per chiarire tutto ciò che stava accadendo, e io ho le detto che l’avrei aiutata, che sarei stato diverso da tutti quelli che l’avevano lasciata sola nel momento in cui aveva più bisogno di qualcuno che le stesse vicino.

Alla fine ho capito di essermi innamorato della persona giusta perché mi ha avvicinato di più a Dio, mi spinge ad essere un leader, un amico e in futuro un buon marito. Lei mi aiuta con i miei problemi, le mie paure e tutto quello che mi succede nella vita, anche se a volte ho difficoltà ad aprirmi.

Oggi lei sa tutto di me, e io so tutto di lei. Non le ho nascosto nulla perché ho fiducia in lei, e so che la cosa è reciproca. Il nostro rapporto sarà una via per onorare e glorificare Dio, e non un modo in cui porre i sentimenti al di sopra di tutto, ovvero un mezzo di autosoddisfazione.

Ragazze, continuate a pregare e siate pazienti.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
amore
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni