Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dobbiamo amare, non idolatrare! L’amore sano c’è solo con Dio al primo posto

Condividi

Il commento al Vangelo di oggi di don Luigi Maria Epicoco

In quel tempo, una folla numerosa andava con Gesù. Egli si voltò e disse loro:
«Se uno viene a me e non mi ama più di quanto ami suo padre, la madre, la moglie, i figli, i fratelli, le sorelle e perfino la propria vita, non può essere mio discepolo. Colui che non porta la propria croce e non viene dietro a me, non può essere mio discepolo.
Chi di voi, volendo costruire una torre, non siede prima a calcolare la spesa e a vedere se ha i mezzi per portarla a termine? Per evitare che, se getta le fondamenta e non è in grado di finire il lavoro, tutti coloro che vedono comincino a deriderlo, dicendo: “Costui ha iniziato a costruire, ma non è stato capace di finire il lavoro”.
Oppure quale re, partendo in guerra contro un altro re, non siede prima a esaminare se può affrontare con diecimila uomini chi gli viene incontro con ventimila? Se no, mentre l’altro è ancora lontano, gli manda dei messaggeri per chiedere pace.
Così chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo». (Luca 14, 25-33)

Amare il proprio padre o la propria madre è una cosa buona. Amare il proprio marito, la propria moglie o i propri figli è una cosa buona. Amare il proprio lavoro, la propria terra o le proprie passioni è una cosa buona. Allora che cosa vorrà dire Gesù con il Vangelo di oggi? Il nostro problema è che invece di amare idolatriamo certe persone o certe situazioni, cioè le facciamo diventare il nostro Dio. Ed è molto pericoloso quando fai diventare tua madre o tuo padre il tuo dio, o quando fai diventare tuo figlio o tuo marito il tuo dio, o quando trasformi il tuo lavoro o le tue passioni in tuo dio. Solo se Dio è al primo posto allora si è capaci di un amore sano al proprio padre, alla propria madre, alla propria moglie, al proprio marito, ai propri figli, al proprio lavoro e così via. Il cristiano è uno che lotta ogni giorno con l’idolatria perchè sa bene che quando Dio non ha il primo posto c’è qualche trappola che ci attende e che prima o poi ci farà male. E come è brutto quando questo “male” ci viene da chi o da ciò che abbiamo amato come “un dio”.

#dalvangelodioggi

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
vangelo
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni