Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come far sì che quello che non mi piace cambi senza danneggiare nessuno?

Condividi

Vorrei saper comprendere meglio le persone con cui non sono d'accordo, accettare i punti di vista che non condivido

Non so bene cosa posso fare per cambiare le cose quando qualcosa non mi piace. Non so cosa posso costruire quando ci sono cose che vorrei cambiare.

Poi mi è arrivato questo messaggio, che mi ha fatto pensare “Pensa in positivo, puoi sempre cambiare qualcosa”. Vero. Qualcosa può sempre cambiare. Anche se a volte mi sento frustrato.

Vorrei cambiare molte cose che non mi piacciono del mondo in cui vivo. Cambiare strutture, variare la portata delle cose. Giudico ciò che va bene e ciò che va male. Decido cosa dovrebbe scomparire e cosa potrebbe restare.

Ma non sempre riesco a cambiare le cose, perché ci sono cose che non dipendono da me. Decidono senza contare sul mio voto. Agiscono senza chiedermi il permesso. Le cose si rompono senza che io possa evitarlo. Risulto ferito e non sono io il colpevole. E mi sembra ingiusto questo mondo cangiante in cui mi sento insicuro.

Vorrei inventarmi nuove vie in cui possano girare tutti, e stabilire ponti che uniscano i cuori. Mi fa male allontanarmi da chi non la pensa come me, e mi vedo alzare muri anziché ponti.

Vorrei saper comprendere meglio le persone con cui non sono d’accordo. Accettare i punti di vista che non condivido. Amare chi non la pensa come me. A volte è così difficile amare chi non è d’accordo con i miei punti di vista…

Io stesso costruisco barriere che mi allontanano da chi non la pensa come me. Divento giudice e parte in causa. Non sono neutrale né obiettivo. Mi fanno male delle cose che rallegrano altri, e forse mi rallegrano cose che fanno male ad altri.

E nonostante questo mi sento chiamato a gettare ponti. A toccare le mani di chi si avvicina. Ad abbracciare qualsiasi cosa provi. E a comprendere chi non la pensa come me. Senza volerlo convincere del contrario.

Voglio essere capace di mettermi nei suoi panni, di vivere nel suo cuore anche se solo per un istante. Comprendere la sua storia, valorizzare i suoi sentimenti, parlare la sua lingua, essere capace di guardarlo e di capire che la sua vita è meravigliosa. E amarlo nella differenza.

Mi fa paura l’idea di cadere nell’amarezza e nell’odio quando non ci riesco. Quanto è breve il passo tra l’amore e l’odio! So solo che la comprensione nasce dall’accettazione dell’altro per com’è, senza voler cambiare il suo sguardo. Senza voler essere d’accordo con quello che pensa.

Credo che Gesù lo abbia fatto tante volte. Lo hanno chiamato beone e mangione perché mangiava con chiunque, e non era un beone né un mangione. Hanno pensato che fosse un peccatore perché abbracciava i peccatori, e non ha commesso peccato.

Lo hanno considerato lebbroso perché toccava i lebbrosi ed è rimasto sano, curando la lebbra. Lo hanno accusato di avere rapporti troppo stretti con le donne perché le accoglieva, e le ha amate fino alla fine. Hanno detto che era pagano perché viveva con passione la sua vita nel mondo. E amando il mondo lo ha salvato.

Hanno pensato che fosse di un gruppo determinato per il semplice fatto di abbracciarne la vita, ma non apparteneva solo a un gruppo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni