Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Prima uomini, poi santi!

Condividi

Perché la Grazia (soprannaturale) presuppone sempre l'umano. Non è forse già una grazia la nostra natura?

Tutta la Scrittura è centrata sul dono dell’incarnazione: Dio si fa uomo perché l’uomo si faccia Dio. Questo mistero d’amore rimane ora come allora, di difficile comprensione per chi vive in fuga da sé. Il Regno dei Cieli (già e non ancora) passa per il presente (qui ed ora)! Senza l’apporto della tua storia, del tuo passato (lì ed allora) la fede rischia di diventare una fuga dal reale, un’astrazione disincarnata alternativa a una deludente realtà.

Questo ci porta ad una domanda: La nostra è una fede dinamica, viva, che va a sanare il nostro passato, che porta a compimento il nostro presente o una “pia religione” statica, stereotipata, in casi limite persino “alienante”, basata sull’osservanza maniacale di precetti e regole ma che trascura l’umano?

La Grazia presuppone l’umano

Quando sul monte Dio rivela il suo nome: Ehyeh ʾAšer ʾEhyeh Io Sono Colui Che E’, Che Era, E che Sempre Sarà, si pone in una Relazione triplice con l’uomo che tocca passato, presente e futuro. Qualcosa di Sanante, Strutturante, Sperante. Che non inscatola la persona, non la chiude in sé stessa, ma la guida verso una Pluralità.
E’ importante notare che lo Spirito non crea ex-nihilo, da zero, ma porta a compimento l’esistente.

La Spiritualità deve necessariamente poggiare sull’umano, altrimenti cade nel vuoto, è sorretta dal nulla. Pensiamo a tutti quei percorsi spiritualizzati devianti, che riducono tutto alla presunta volontà di Dio, tralasciando quella del fedele, così da generare conflitti interni alla persona. “Io ti ho posto davanti la vita e la morte, la benedizione e la maledizione; scegli…” (Deuteronomio 30,19) 

C’è sempre una scelta che ogni uomo deve compiere: Si o No, Male o Bene, ma questa non deve mai essere imposta. La dittatura del bene è la suprema espressione del male!

L’uomo ha bisogno di sentirsi amato, compreso, rispettato, solo in un secondo momento arato e seminato, nel pieno rispetto dei suoi tempi, aspettandone i frutti. Non dobbiamo clonare fedeli imponendo loro una metodologia, dobbiamo formare persone amandole!

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.