Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Quello che non sappiamo su San Girolamo è proprio quello che dovremmo sapere

Condividi

Era estremamente agitato, impaziente e orgoglioso... ma non è per questo che è santo

Più di tutto, però, Girolamo odiava la sua ira. Era più duro con le sue mancanze che con quelle di chiunque altro; in una lettera in cui cercava di riconciliarsi con una zia lontana si lamentò dicendo: “Ahimé, quanto sono disgraziato!”

Voleva disperatamente sconfiggere il suo temperamento e fece molto per riuscirci, portando perfino una pietra in giro con sé per colpirsi quando la rabbia minacciava di sopraffarlo. Papa Sisto V, passando vicino a un dipinto di San Girolamo con in mano la pietra, commentò: “Fai bene a portare quella pietra, perché senza di lei la Chiesa non ti avrebbe mai canonizzato”.

Questa affermazione sottolinea il genio di Girolamo. Più che semplice abilità intellettuale, Girolamo ci offre una testimonianza di penitenza mondana. Girolamo non era né una prostituta pentita né un satanista, ma semplicemente un uomo ordinario con un certo temperamento. Pregò per tutta la vita di essere liberato dal vizio dell’ira, che definiva “la porta attraverso la quale tutti i vizi entrano nell’anima”, ma invano. E tuttavia non gettò mai la spugna. Cercava sempre il perdono. Provava continuamente a tenere a freno la lingua e a calmare i nervi. Anche se non aveva paragoni nella conoscenza scritturale, si rifece all’autorità della Chiesa sulla questione relativa a quali libri appartenessero alla Bibbia. Per grazia di Dio, cercò pace, pazienza e umiltà pur essendo estremamente agitato, impaziente e orgoglioso.

È questo che rende Girolamo un grande santo. Non sono le sue traduzioni né i suoi commenti, né le sue lettere o controversie. È il fatto che non smise mai di cercare di essere un cristiano nei fatti come a livello nominale; in Paradiso ci è finalmente riuscito.

Il 30 settembre, festa di San Girolamo, chiediamo la sua intercessione per essere perseveranti nel perseguimento della santità, qualunque ostacolo possiamo incontrare. San Girolamo, prega per noi!

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.