Aleteia
martedì 20 Ottobre |
Santa Maria Bertilla Boscardin
Chiesa

La celiachia non significa “Niente Eucaristia per te!”

Magdalena Kucova / Shutterstock

Mary Hallan Fiorito - pubblicato il 14/07/17

Avere tre figli con la celiachia ci ha insegnato ad essere cauti ma senza panico

La notizia scioccante è esplosa di recente: Papa Francesco vuole avvelenare i miei figli.

Secondo molti media nazionali e internazionali, il Pontefice ha appena diffuso una dichiarazione che restringe l’uso delle ostie gluten-free (senza glutine) a Messa.

“Il Vaticano mette al bando il pane senza glutine per la Santa Comunione!”, ha gridato la BBC News. L’irlandese Extra ha tenuto fede al proprio nome e ha fatto un passo avanti dicendo che “in base alle nuove regole i celiaci non potranno più ricevere il Corpo di Cristo a Messa”.

Il titolo si riferiva a una lettera circolare ai vescovi diffusa dalla Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti e risalente al 15 giugno.

Il testo non contiene nulla di nuovo, e in effetti il primo paragrafo indica che Papa Francesco ha diffuso la lettera per ricordare che, visto che le ostie e il vino non sono più distribuiti esclusivamente dalle comunità religiose cattoliche, è fondamentale che i vescovi facciano attenzione alla provenienza degli alimenti usati. Un po’ più in basso, la lettera ricorda che “le ostie completamente prive di glutine sono materia invalida per l’Eucaristia. Sono materia valida le ostie parzialmente prive di glutine e tali che sia in esse presente una quantità di glutine sufficiente per ottenere la panificazione senza aggiunta di sostanze estranee e senza ricorrere a procedimenti tali da snaturare il pane”.

La Radio Vaticana ha riferito della diffusione della nota in modo piuttosto routinario il 7 luglio. Facebook e Twitter, com’era prevedibile, sono esplose con la bigotteria più anticattolica che avessi mai visto da un bel po’ di tempo. “È questo il motivo per cui mia figlia… non si sentiva accolta nella Chiesa cattolica, e quindi abbiamo dovuto effettuare un cambiamento”, ha scritto una madre, dicendo che la figlia le aveva detto: “Dio mi ha creata così e per me non essere accolta in questa Chiesa non è giusto”.

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
accoglienzacomunioneostiasacramenti
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni