Aleteia

Solo 7 donne al mondo possono vestirsi di bianco davanti al Papa

AFP PHOTO / FILIPPO MONTEFORTE
Condividi
Commenta

Il tradizionale protocollo del “privilège du blanc”

La prima visita del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump e della moglie Melania a Papa Francesco ha richiamato l’attenzione della stampa mondiale per vari motivi, dalle differenze di prospettiva riguardo ai temi sensibili al fatto che sia la first lady che la figlia del Presidente, Ivanka, hanno indossato abito nero e velo davanti al Santo Padre.

La Santa Sede non impone un codice di abbigliamento obbligatorio da adottare, ma suggerisce un protocollo per le visite di Stato e le udienze con il Papa, sia per gli uomini che per le donne.

Nel caso di queste ultime, il protocollo richiede un vestito nero lungo e a collo alto, maniche lunghe e velo nero. Per motivi storici, tuttavia, alcune regine cattoliche o consorti di re sono state tradizionalmente esentate dall’uso del nero. Si tratta del cosiddetto “privilège du blanc” (privilegio del bianco), una prerogativa speciale concessa e mantenuta a criterio del Papa.

Attualmente sono solo sette le regine, principesse o consorti di monarchi e monarchi emeriti a cui è concesso il “privilegio del bianco”: la regina consorte Leticia di Spagna, la regina emerita Sofia sempre di Spagna, la regina consorte Maltide del Belgio, la regina emerita Paola del Belgio, la granduchessa Maria Teresa del Lussemburgo, la principessa Charlene di Monaco e la principessa Marina di Napoli perché appartenente a Casa Savoia.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni