Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 15 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconStorie
line break icon

«Sono guarita dall’anoressia perché ho iniziato a credere nell’Eucarestia»

Emily Stimpson

Unione Cristiani Cattolici Razionali - pubblicato il 30/03/17

La giornalista Emily Stimpson è una apprezzata scrittrice americana, autrice di un un blog intitolato The Catholic Table, dove si trovano ricette culinarie e racconti di vita.

Il rapporto con il cibo è però stato molto conflittuale per lei, che per un lungo periodo è stata vittima dell’anoressia, incapace di superarla. Recentemente Emily ha raccontato di soffrire di questa malattia da quando aveva 16 anni, nessun medico è mai riuscita ad aiutarla. «Odiavo il mio corpo, mi sentivo grassa e vedevo il cibo come un mezzo per controllare il mondo», ha ricordato. «La mia battaglia con il cibo era un’aggrovigliamento di insicurezze e ansietà, situazione aggravata da una visione materialistica dell’universo».




Leggi anche:
L’anoressia si è manifestata prima? Ci sono maggiori possibilità di guarigione

Era cresciuta come cattolica, ma come gran parte delle persone se ne era disinteressata, abbagliata da richiami più mondani. I pensieri distruttivi che continuamente le venivano, «il mio corpo è un problema, il cibo è il nemico», l’hanno spinta però ad andare oltre la superficie, cercando risposte anche esistenziali sul suo essere al mondo. Ed il tutto nasce, come sempre, da un incontro umano, mai da un ragionamento o una idea personale. «Dopo sei lunghi anni che non entravo in chiesa», ha infatti ricordato, «un collega mi ha aiutato a trovare la mia strada verso casa. Era la Messa, dove ho ricevuto Cristo come cibo. Il pane è diventato il corpo. Il vino è diventato il sangue. Questo è stato il rapporto più intimo che ho avuto con Lui. Fu così che ha realmente dato la sua vita per me».




Leggi anche:
Anoressia: una risposta possibile nell’ossitocina?

La giornalista si è infatti accorta che accostandosi giorno dopo giorno all’Eucarestia, durante la celebrazione della Messa, essa diventava anche una terapia efficace verso l’anoressia. «Ho trascorso mesi ad andare a Messa ogni giorno, sapendo che la risposta doveva essere lì, anche se non riuscivo a capire il perché. Ho iniziato spontaneamente ad informarmi, sul catechismo e sulla fede cattolica».




Leggi anche:
10 modi per innamorarsi profondamente dell’Eucaristia

Nessuna magia, semplicemente la conversione ha cambiato il modo di guardare il mondo e se stessa: «prendere l’Eucarestia ha contribuito a modificare il modo di vedere il mio corpo e la mia vita», ha spiegato. «Mi sono vista come immagine di Dio, il mio corpo come tempio dell’anima, luogo di cui dovevo prendermi cura. Ho iniziato ad apprezzare le mie curve femminili come segno fisico della mia anima femminile. L’Eucaristia ci nutre con la vita di Dio, ci rafforza nei momenti di prova, ci conforta nei momenti di dolore, guarisce le ferite e ci riempie della gioia di Cristo. Tutto quello che potevo fare era cadere in ginocchio in segno di gratitudine e ammirazione per Lui».




Leggi anche:
10 fatti straordinari sul potere dell’Eucaristia

Una bella e fresca testimonianza del fatto che la partecipazione alla Messa e l’accostamento al sacramento dell’eucarestia non sono semplici riti sociali, come ritengono gli antropologi. Per noi cattolici è il più potente gesto con cui Gesù letteralmente assimila a sé, anche fisicamente, i suoi, anche in questa terra. L’Eucarestia, ha scritto il domenicano Antonio Royo Marin, «è l’inizio di una comunione con Lui sia fisica che spirituale, cioè totale. Il lavoro della vita è far vivere quella Carne e quel Sangue nel proprio sangue e nella propria carne» (A.R. Marin, Teologia della perfezione cristiana, Paoline 1987, p. 541). Quello che è riuscita a fare Emily Stimpson, divenendo, grazie alla sua malattia, testimonianza per tutti.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Tags:
comunionetestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
6
Gelsomino Del Guercio
Marino Bartoletti: mi sono affidato alla Madonna dopo la morte di...
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni