Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Vittima di abusi: la telefonata di papa Francesco mi ha restituito “fede e speranza”

Condividi

Il pontefice chiama Rufino Varela, argentino vittima di abusi

Rufino Varela stava aspettando la figlia all’uscita di scuola quando è suonato il telefono. Era papa Francesco, che aveva saputo da una parente di Rufino della sua situazione di vittima di abusi durante l’infanzia, resa nota nel dicembre scorso.

Varela ha denunciato pubblicato che 40 anni prima, dopo aver rivelato a un sacerdote della sua scuola che a casa veniva abusato da un caposquadra, questi aveva abusato di lui. È accaduto nella scuola Cardinale Newman, all’epoca gestita dai Fratelli Cristiani. Le autorità scolastiche trasferirono il sacerdote, oggi defunto.

Durante il dialogo con il papa, secondo quanto ha scritto Varela su Facebook, il pontefice lo ha ascoltato e gli ha chiesto perdono a nome della Chiesa. Hanno parlato per alcuni minuti di cose che custodirà nel suo cuore, e secondo Varela Francesco gli ha restituito “fede e speranza”.

Varela ha avviato una campagna contro gli abusi e i maltrattamenti. Secondo quanto ha detto convocando quella che chiama Cruzada Francisca (Crociata Francesca), è “convinto che la lotta contro l’abuso e i maltrattamenti debba essere realizzata senza odio né sete di vendetta, ma anche senza sosta, con grande convinzione e soprattutto con pazienza”.

A questo scopo, ha concesso interviste a vari mezzi di comunicazione raccontando la terribile esperienza che ha vissuto nel 1977, cercando di capire se ci siano state altre vittime della stessa persona e di aumentare la consapevolezza della necessità di combattere gli abusi infantili in ogni ambito.

Con molta umiltà ed enorme grandezza, Francesco mi ha chiesto perdono a nome della Chiesa e mi ha esortato a diventare un altro anello di una catena molto forte di vittime di abusi e maltrattamenti e di gente disposta ad aiutare, indipendentemente da credo, ideologia, professione, condizione sociale o età, in cui possiamo rispettarci, ascoltarci, comprenderci, prevenire e soprattutto incoraggiarci a stare meglio”, ha affermato Varela sulla sua pagina Facebook.


LEGGI ANCHE: Ho subito un abuso sessuale, e la chiave è stata rompere il silenzio


Il suo caso, insieme ad altri recenti noti all’opinione pubblica argentina, come quello delle vittime dell’Istituto Próvolo per bambini ipoudenti di Mendoza, ha messo nuovamente sul tavolo gli episodi di un cinismo nefasto che le vittime, con il sostegno di tutti, vogliono impedire che si ripeta.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.