Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Gennaio |
Sant'Antonio
home iconStile di vita
line break icon

Autosabotaggio: quando la tua mente lavora contro di te

CI2 | Plainpicture

Psiconlinews - pubblicato il 17/11/16

Anche se tutti commettiamo errori, una persona che tende a sabotarsi tenta di correggerli commettendoli di nuovo e prendendo decisioni sempre più sbagliate

Ti stai autosabotando? Alcune persone bevono, altri rimandano in continuazione… e tu? Qual è il tuo modo di autosabotarti?

1: Sopprimere le emozioni: l’aiuto che pregiudica

Spesso ci mettiamo nei guai quando cerchiamo di fuggire dalle emozioni e dai sentimenti negativi. Lo abbiamo fatto tutti in qualche modo, la questione è solo che alcuni lo fanno in modo più regolare di altri. Fuggire dai propri sentimenti non porta alcun bene, ed è un modo di autosabotarsi che interferisce nel conseguimento delle mete a lungo termine e destabilizza i rapporti.

Cercare la soluzione ai problemi nel cibo è un modo comune di autosabotarsi, soprattutto quando la persona ha problemi di sovrappeso. L’assunzione di droghe o alcool è un’altra forma diffusa, ma la procrastinazione è la più comune di tutte.

2: Procrastinazione: dov’è andata a finire la mia giornata?

Ogni minuto facciamo delle scelte che possono portarci al successo o al fallimento. Quando si tratta di autosabotaggio, la procrastinazione è l’ape regina. La procrastinazione è una cesura tra l’intenzione e l’atto, e il comportamento che indebolisce è non colmare quella lacuna, ovvero non agire in base ai propri obiettivi, per paura, dubbio o altro. Ci autosabotiamo quando lo facciamo. Accampiamo scuse, tentiamo di giustificare le nostre azioni e pensiamo che questo non farà alcun male, ma quando non perseguiamo i nostri obiettivi personali ci sentiamo tristi, in colpa e vuoti, il che è estremamente dannoso.

3: Modestia estrema: il caso della scomparsa dell’io

C’è un punto in cui l’adulazione diventa corrosiva. L’autosabotaggio può emergere nei luoghi più strani. Prendiamo una conferenza recente sulla neuroscienza svoltasi a New York: dopo gli interventi c’è stato un momento dedicato alle domande e risposte, alla fine una neuroscienziata ha preso il microfono ma invece di porre la domanda si è lasciata trasportare dall’adulazione. “Mio Dio, ho dimenticato la domanda”, ha detto alla fine, arrotolando nervosamente il filo del microfono con le mani, come se volesse scomparire. “Sono l’ultima a porre una domanda, mi sento in colpa”, ha dichiarato, e ha aggiunto: “Ho dimenticato la domanda, ma la conferenza è stata memorabile”, mentre il pubblico moriva di noia.

4: Vizi: un lungo scivolamento

“Ho fatto cose che non avrei dovuto fare”

L’autosabotaggio non è un atto in sé, ma un processo complesso che mette la persona contro i propri pensieri e i propri impulsi. Anche se tutti noi commettiamo errori, una persona che tende a sabotarsi tenta di correggerli commettendoli nuovamente e con decisioni sempre più sbagliate. È come un vizio. La persona presenta una gamma di scuse e di pensieri deliranti per evitare l’azione dolorosa e necessaria per mettere la sua vita nella giusta direzione.

(Fonte: PsychologyToday)

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
autostimapsicologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni