Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

I 5 “Sì” e i 5 “No” per aiutare un bambino a superare un capriccio

ciadefoto-cc
Condividi

Vi siete sentiti impotenti al momento di controllare l’ira di vostro figlio? Ecco qualche consiglio…

SÌ, potete riflettere la sua frustrazione e la sua rabbia utilizzando l’empatia.
Frasi come “Ti piaceva molto quel dolce” o “Ti sei arrabbiato molto, vero?” funzionano, perché lo aiutano a sentirsi compreso e a comprendere se stesso. Potete proporre due o tre commenti empatici; non conviene insistere o ripetere queste frasi costantemente, perché il bambino potrebbe sentirsi manipolato, ma se le utilizzate con cautela sono uno degli strumenti migliori per aiutare il bambino a “salire i gradini” che vanno dalla frustrazione alla tranquillità. Io le uso sempre, e i risultati sono da buoni a eccellenti.

SÌ, potete aiutare il bambino a porsi delle alternative.
Al cervello del bambino costa essere flessibile e uscire dal proprio “centro”, e questo fa sì che veda tutto più nero di quello che è realmente. Per questo, ascoltare frasi come “Possiamo comprare il dolce questo fine settimana” o “Ti va che ti porti a cavalluccio?” possono aiutare il bambino a vedere la luce alla fine del tunnel.

SÌ, potete rimanere accanto a lui e permettere che vi si aggrappi alla gamba (se lo desidera), o anche prenderlo in braccio quando si è calmato un po’ e sempre che voglia o accetti che lo abbracciate. A volte i bambini più capricciosi chiedono che i genitori li prendano in braccio e i genitori negano l’abbraccio pensando che sia un altro capriccio o che non se lo meritano finché non stanno più calmi. L’abbraccio, però, è una richiesta di aiuto per cercare di ricollegare i fili che il capriccio ha fatto andare in corto circuito, e abbracciare il bambino, se questi lo chiede o lo permette, è estremamente utile (di fatto la maggior parte dei capricci dei miei figli finisce in genere con un abbraccio).

Spero che la prossima volta che i vostri figli si metteranno a fare i capricci anziché perdere la calma vi ricordiate di questi spunti e che questo vi aiuti a recuperare il controllo. Se vi risultano di aiuto (sicuramente sì), condividete questo post perché molti altri bambini si sentano compresi.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Le 7 frasi che distruggono i figli

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.