Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Gaetano Errico
home iconStorie
line break icon

Il sacerdote che accoglie i malati ed è padre adottivo

Esther Núñez Balbín - pubblicato il 07/11/16

Don Aldo Trento pratica l'“affettoterapia” raccomandata da papa Francesco

Lidia doveva andarsene. Aveva superato i limiti di età. Non poteva più rimanere in casa. “È mia figlia col cuore. L’ho trovata nella Colonia Andrés Barbero, nella zona interna del Paese. Viveva in una baracca con i suoi parenti”, ha ricordato il missionario don Aldo Trento, che da vent’anni accoglie tutti gli esseri umani che trova per strada.

La ragazza porta nel cuore le tracce della violenza subita dallo zio quando aveva 16 anni, a seguito della quale è rimasta incinta. Il sacerdote ha raccontato che quando la ragazza autistica è diventata maggiorenne, in base al regolamento della Casa di Accoglienza per Bambine di Chiquitunga, doveva abbandonare la struttura, ma era una realtà insostenibile. “È stato allora che ho dovuto prendere la decisione di diventare suo padre. Me lo ha chiesto il giudice minorile e l’ho fatto”, ha confessato il missionario ad Aleteia.

13242140_531898880325961_1722330589_o

La sfida di essere doppiamente padre

“Ancora non capisco la contraddizione nel cuore di chi è genitore e può dare la vita. E di chi si sente padrone della vita dei propri figli e decide di togliergliela. Essere genitori non coincide con il mettere al mondo un figlio. Amare è un dono, ha piuttosto a che vedere con il fatto di comunicare l’esistenza, il destino della vita”, ha osservato il sacerdote.

“Nella nostra casa la bellezza è il culmine della carità! Nel volto di ciascuno dei malati scopriamo una grazia speciale. Lidia è riuscita a recuperare da ogni difficoltà e si sposta senza aiuto fino al letto e al bagno; può muoversi sulla sedia a rotelle”.

LEGGI ANCHE:Malato terminale di cancro riesce ad assistere alla nascita del figlio

  • 1
  • 2
  • 3
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
comunione e liberazionemalati terminalipadre
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni