Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Fidanzati, 10 domande da porvi prima di sposarvi!

Condividi

Ci sono conversazioni che non possono essere rimandate al futuro

Quando papa Francesco ha affermato che gran parte dei matrimoni sacramentali è nullo, non pochi cattolici hanno ammesso di pensarci già da tempo.

Lavorando nel campo della consulenza familiare, intervistando coppie in crisi e valutando come e perché si sono sposate, constato spesso che molte volte marito e moglie considerano il sacramento una semplice benedizione, più un costume sociale che una realtà soprannaturale.

Di fronte all’enorme quantità di matrimoni in crisi, è il caso di chiedersi se tutte quelle coppie sono davvero “sposate come Dio comanda”. La risposta alla crisi può risiedere proprio in questo, nella mancanza di una comprensione reale degli effetti del sacramento per i coniugi e i figli.

Oltre a non sapere cosa sia il matrimonio, un altro problema generalizzato alla base delle crisi matrimoniali è la mancanza di conoscenza reciproca tra i coniugi. Si sposano perché sono innamorati, e quando la passione svanisce vogliono “disposarsi”. Non sanno semplicemente che fare di quel rapporto diventato “strano”.

Per tutto questo, insieme a un denso rafforzamento della catechesi prematrimoniale e successiva al matrimonio, gli sposi hanno bisogno di dialogare per prevenire e minimizzare il rischio delle crisi.

In questo senso, ci sono domande da porre chiaramente prima del matrimonio, che altrimenti potrebbe essere addirittura nullo! Eccone 10:

1. Comprendiamo davvero il dono e il mistero del sacramento del matrimonio?

Il matrimonio è un sacramento, ovvero un segno sensibile ed efficace della grazia. E qual è la grazia propria del sacramento? Il perfezionamento dei coniugi! Ciò non vuol dire che l’obiettivo di un coniuge sia perfezionare l’altro, ma che ogni coniuge conta sull’aiuto di una grazia speciale di Dio, che è la grazia propria del sacramento del matrimonio, per perfezionare se stesso in relazione al coniuge. Tutti vogliono sposarsi con il partner perfetto, ma pochissimi sono disposti a trasformarsi nel partner perfetto per il proprio coniuge. È proprio in questo che aiuta la grazia sacramentale!

LEGGI ANCHE: Fidanzamento: come fare la scelta giusta?

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.