Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 17 Gennaio |
Sant'Antonio
home iconStorie
line break icon

Adolescente dipendente dai social network, incinta di un pedofilo, dice “NO” all'aborto

Portaluz - pubblicato il 10/10/16

L'aspetto peggiore è stata la pressione alla quale è stata sottoposta per essersi rifiutata di abortire

Da alcuni anni, persone vulnerabili di varie fasce sociali e di qualsiasi parte del mondo sono vittime di violenza psicologica e fisica a causa di un rapporto non salutare con le nuove tecnologie e i social media.

Secondo un rapporto del 2015 del Pew Research Center, il 92% degli adolescenti statunitensi (tra i 13 e i 17 anni) è online tutti i giorni, incluso il 24% che dice di essere collegato ai propri dispositivi “quasi costantemente”. Il 71% utilizza Facebook, la metà è su Instagram e il 41% usa Snapchat. Quasi ¾ degli adolescenti utilizzano più di un sito di reti sociali.

Così era anche per Kali, un’adolescente statunitense che a 14 anni era dipendente dalla realtà virtuale.

Adolescenti a rischio

Non era la prima volta che si recava a un “appuntamento al buio”, ma questa occasione sarebbe stata la peggiore, ha ricordato in una testimonianza diffusa da Savethe1 e Life News:

“Tutto è accaduto in una fredda notte di settembre, una delle ultime dell’estate. Si poteva già sentire l’autunno che si avvicinava. Sono fuggita dalla casa dei miei genitori nella cittadina in cui vivo per conoscere un ragazzo con cui parlavo su Internet. Era un ragazzo molto gradevole e diceva di avere la mia età. Sapevo che i miei genitori non avrebbero mai approvato quel rapporto, e allora sono scappata dopo che si sono addormentati”.

LEGGI ANCHE:Dopo un aborto spontaneo, una madre si sorprende vedendo un “bambino perfettamente formato”

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
abortoadolescentisocial networkviolenza sessuale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Semplici scatti
Puoi chiamarle coincidenze ma sono carezze di...
Gelsomino Del Guercio
Etiopia, strage di cristiani nel Tigrai: dife...
SALVE REGINA
José Miguel Carrera
Un Salve Regina come non lo avete mai visto
Silvia Lucchetti
Silvia e Andrea: il nostro matrimonio stava c...
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo sp...
FRA BENIGNO ESORCISTA
Chiara Ippolito
Il più commovente caso di liberazione: quando...
COVID
Gelsomino Del Guercio
Il prete: benedivo senza olio i malati gravi,...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni