Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Sono un “fallimento cattolico” perché continuo a confessare gli stessi peccati?

Condividi

“Rieccomi qui” non dev’essere un’ammissione di sconfitta. Potrebbe essere anche una preghiera

Cara Katrina,

odio confessare ogni mese gli stessi peccati. Sta diventando stancante e temo che il sacerdote non pensi che sia davvero pentita se poi continuo a comportarmi allo stesso modo. Se fossi veramente pentita smetterei, no? Credo che possa pensare questo. Sono stanca di sentirmi un fallimento cattolico ogni volta che devo andare a confessarmi. So che non è l’atteggiamento giusto con cui accostarsi alla confessione, ma mi risulta difficile pensarla in un altro modo. Si può imparare ad amare la confessione?

C.

Cara C.,

impareremo mai ad amare la confessione? Non dev’essere un divertimento. Dev’essere quell’occasione scomoda in cui mettiamo a nudo i nostri peccati e chiediamo il perdono di Dio. Nel farlo riconosciamo la nostra debolezza umana e la nostra totale dipendenza da Dio. È questo che rende la confessione un’esperienza così sorprendente. La forza e l’indipendenza sono caratteristiche preziose, e l’atto di confessarsi è un’ammissione del fatto che manchiamo di entrambe.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni