Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

4 cose essenziali da sapere sulla pillola del giorno dopo

© Arkadiusz Komski
Condividi

Informazioni di utilità pubblica da leggere e condividere

La pillola del giorno dopo – nota anche come anticoncezionale orale d’emergenza (AOE) – è promossa da alcuni come rimedio efficace per evitare una gravidanza indesiderata, soprattutto tra i giovani. Cosa c’è di vero in questo? José López Guzmán, esperto spagnolo di Farmacia e dottore in Bioetica, ha spiegato 4 aspetti essenziali di questa sostanza che bisogna conoscere.

Il dottor López Guzmán fa parte del gruppo docente internazionale del Diploma di Bioetica nella Ricerca Biomedica e Clinica dell’Università Cattolica San Turibio di Mogrovejo, in svolgimento in Perù dall’agosto di quest’anno al marzo 2017.

1. Che cos’è?

“La pillola del giorno dopo è un metodo post-coitale, ovvero che si utilizza dopo il coito, con l’intenzione di impedire una gravidanza”, ha spiegato il dottor López Guzmán al Gruppo ACI. “È una forte concentrazione di ormoni, chiamata molte volte ‘bomba ormonale’”.

Con una dose di levonorgestrel, una delle sostanze commercializzate come pillola del giorno dopo, “diamo a una donna in una dose” quello che nelle pillole anticoncezionali comuni si assume “in un mese”. “Ha 30 volte in più la composizione di ormoni”, ha indicato.

Nel caso del levonorgestrel, ha segnalato, il suo uso viene prescritto fino a 72 ore dopo l’atto sessuale.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni