Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

L’emozionante storia di un abbraccio tra fratelli che si ripeterà nell’eternità

Família Buchmeyer - Facebook
Condividi

“Il nostro piccolo è stato richiamato da Gesù a casa”

Una fotografia ha commosso la rete nell’ultima settimana: i gemellini Hawk e Mason Buchmeyer si “incontrano di nuovo” undici giorni dopo la nascita e… si abbracciano!

Il 18 agosto Mason è nato sano, mentre Hawk è venuto al mondo con una malattia rarissima che non gli ha permesso di uscire dall’ospedale. Aveva un’ernia diaframmatica congenita. È stato solo 11 giorni dopo la nascita che i gemelli sono stati “ripresentati” e fotografati.

“Questa fotografia è stata scattata 11 giorni dopo la loro nascita. È stata la prima volta in cui si sono toccati, e quando Mason ha sentito Hawk ha tentato di allungare il braccio e ha fatto un gran sorriso! Pensiamo che sia il momento che tutti coloro che stanno tifando per il nostro piccolo vedano questa foto”, hanno scritto i genitori, Tommy e Brandy Buchmeyer, su una pagina di Facebook creata per chiedere le preghiere e il sostegno di familiari e amici e per tenerli informati sulle condizioni di salute dei bambini.

Questo martedì sera, la pagina ha divulgato un ultimo appello chiedendo “più preghiere che mai”. Meno di 24 ore dopo, però, è giunta la triste notizia: Hawk era morto all’alba.

I genitori, che hanno chiesto a tutti un po’ di tempo per riprendersi, hanno scritto con semplicità a chi li accompagnava: “I nostri cuori si sono rattristati questa mattina perché il nostro piccolo è stato richiamato da Gesù a casa. Se n’è andato in pace e sappiamo che non soffre più”.

Nella brevità di questo messaggio resta, nella penombra della tristezza umana, una fiamma di fede che illuminerà per sempre la loro vita e quella di Mason: Hawk è tornato a casa, in pace. Ora è da Gesù che riceve abbracci e sorrisi. E un giorno l’abbraccio e il sorriso di questo nuovo incontro saranno ancora quello dei genitori e del fratellino e per tutta l’eternità!

 Il piccolo Hawk

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni