Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

Iscriviti alla Newsletter

Aleteia

Il secondo giorno dell’Halleluya Festival: “Siamo qui grazie a Giovanni Paolo II”

Condividi

La testimonianza di un cantante nato grazie all'intercessione del papa polacco

Un po’ di pioggia non ha mai fatto male a nessuno, e di certo non ha causato alcun rallentamento nella Giornata Mondiale della Gioventù a Cracovia. Il secondo giorno dell’Halleluya Festival è iniziato con la band indiana Acts of the Apostles, nata da appartenenti al movimento giovanile Jesus Youth. Poi c’è stato un gruppo di Dubai, i MasterPlan, che si sono esibiti in un concerto davvero eclettico: sono passati senza alcun problema dal pop, al rock, all’hip-hop, al reggae, a canzoni arabe e indiane, inserendo nella scaletta addirittura un paio di pezzi da Sister Act.

Nel pomeriggio ci sono stati i Cardiac Move di Salzburg, che potremmo definire gli “U2 austriaci”. Il pubblico ha cantato con loro, molti dei presenti conoscevano infatti le canzoni a memoria. Ma la loro popolarità non dovrebbe sorprendervi, perché il gruppo ha suonato per ben cinque GMG.

La band ha iniziato l’esibizione con una riproduzione audio di Giovanni Paolo II. Il papa polacco è davvero speciale per loro, soprattutto per il leader Johannes Krysl che ha rivelato a Cecilia di dovere all’intercessione del santo la sua stessa vita: non riuscendo ad avere un bambino, i suoi genitori sono andati a Roma per cercare l’intercessione di Giovanni Paolo II e dopo poco tempo hanno avuto Johannes. “San Giovanni Paolo II è stato il mio papa sin dall’inizio. Sono cresciuto con lui. E penso di essere qui grazie a lui”, ha dichiarato il frontman della band.

Dopo i Cardiac Move è stato il momento dei francesi Glorious. Il suono vibrante di questa band da Lione ha coinvolto tutti i partecipanti.

La notte è terminata con un secondo spettacolo degli Alto Louvor. Lo spirito era elevato nonostante la forte pioggia, e il gruppo ha continuato a far ballare i presenti al ritmo di samba.

Nell’ultimo giorno dell’Halleluya Festival ci saranno delle star d’eccezione, quali l’americano PJ Anderson, i famosi The Sun dall’Italia e Suor Cristina, vincitrice di The Voice.

Seguite Cecilia su Facebook per restare aggiornati sulle novità musicali da Cracovia. Potete scoprire qualcosa in più sull’Halleluya Festival cliccando qui.

Mirticeli Dias, corrispondente speciale di Cecilia da Cracovia

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni