Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Oscar Romero ha ispirato “A Future Not My Own” di Matt Maher

Condividi

La liberazione è essere consapevoli che non possiamo fare tutto da noi

Noi vediamo in parte, ma il Tuo amore vede ogni cosa.

Beato Oscar Romero ha ispirato una delle prime canzoni dell’album Saints and Sinners di Matt Maher. Una preghiera attribuita al vescovo e martire termina con la frase: “Siamo profeti di un futuro non nostro”.

“L’ultima parte della preghiera mi ha davvero colpito”, dice Maher. “Ho pensato, Ecco di cosa ho bisogno. Ho bisogno di un futuro che non mi appartiene. Ho deciso di scrivere una canzone immaginando cosa potrebbe succedere quando qualcuno legge quella preghiera. Come potrebbe rispondere? La canzone è quindi diventata risposta alla preghiera ‘ Dio, ho bisogno di un futuro che non mi appartiene. Ho bisogno di un futuro che non ho disegnato io’ ”.

La preghiera esprime il paradosso delle virtù cristiane: l’intima connessione tra umiltà e magnanimità. Da soli possiamo fare così poco, ma quando riconosciamo la nostra povertà, lasciamo spazio al Signore di operare attraverso di noi e di compiere cose grandiose, anche se questo dovesse significare soltanto piantare dei semi in questa vita.

Madre Teresa, che ha ispirato un’altra canzone di Matt, richiama il messaggio della preghiera di Romero: “Io da sola non posso cambiare il mondo, ma posso lanciare una pietra attraverso le acque per creare molte increspature”.

Nella nostra vita riusciamo a compiere solo una piccola parte di quella meravigliosa impresa che è l’opera di Dio. Niente di ciò che noi facciamo è completo.

Non possiamo fare tutto, però dà un senso di liberazione l’iniziarlo. Ci dà la forza di fare qualcosa e di farlo bene.

Può rimanere incompleto, però è un inizio, il passo di un cammino. Una opportunità perché la grazia di Dio entri e faccia il resto.

Può darsi che mai vedremo il suo compimento, ma questa è la differenza tra il capomastro e il manovale.

Siamo manovali, non capomastri, servitori, non messia.

Noi siamo profeti di un futuro che non ci appartiene.

 

Potete ascoltare l’album Saints and Sinners di Matt Maher qui.

Per restare aggiornati sui vostri artisti preferiti e per scoprire nuova musica ogni giorno, seguite Cecilia su Facebook.

Libby Reichert

 

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni