Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconStile di vita
line break icon

Una san(t)a ironia per prendere molto sul serio il matrimonio

© Mienmiuaif

Silvia Lucchetti - Aleteia - pubblicato il 31/05/16

In un libro scanzonato Giuseppe Signorin dichiara il suo amore per la moglie cercando di farla morire dal ridere

“Lettere a una moglie (ovvero la genesi del duo con l’anello noto in tutto il mondo come Mienmiuaif)” collana UomoVivo (Berica Editrice) di Giuseppe Signorin è un libro in forma epistolare, divertente, ironico e romantico.

Chi nel matrimonio non ha conosciuto gioie e dolori, difficoltà nell’accettarsi, desiderio di sentirsi capiti e apprezzati ad ogni costo? Chi non ha mai provato dentro quella presunzione terribile ed egocentrica di sapere e capire tutto, mentre l’altro… l’altro… è sempre colpa sua? Gli sposi sono ugualmente comici nei loro errori e nelle loro mancanze, ma non tutti hanno la stessa capacità di sorridere che l’autore dimostra nelle lettere che scrive alla sua sposa. Eppure essere in grado di “riderci sopra”… permette di continuare a guardare l’altro con tenerezza, anzi, di scoprirla proprio nelle carenze e nelle diversità quella santa tenerezza che salva la coppia dalla distanza e dal gelo. La grazia è proprio quella, il trucco è nascosto lì.

Spesso si pensa che la chiave vincente sia il cambiamento, mentre il segreto è imparare a guardare l’altro conamore,gratitudine e“leggerezza” e poi apprezzarne lo humor, come dice Giuseppe in una delle sue lettere “ti amavo già da morire dal ridere”. Scrive l’autore alla moglie: «Tu continuerai a dire che non mi capisci. Altrimenti come facevamo a sposarci? Dov’era il mistero? Dov’era l’amore? Ci sarebbe stata solo comprensione. Invece così, grazie alle cose secondo te incomprensibili che scrivo e dico, puoi praticare gratis quella santa opera di misericordia spirituale che è sopportare pazientemente le persone moleste».

Come ben sottolinea Emanuele Fant nell’intro(duzione): «Giuseppe scrive lettere ad Anita con l’intento di colmare questa nostalgia, questa irriducibile condanna all’incomprensione che ci mantiene separati anche quando decidiamo con tutte le forze di divenire una carne sola».

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
arca di noèfamiglialetteremaritomatrimoniomienmiuaifmoglie
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni