Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

3 errori che i genitori commettono quando sono intimiditi dai figli

Condividi

Non preoccupatevi: presentiamo anche soluzioni semplici ed efficaci alla portata di tutti

È la fine di una lunga giornata. Sei appena tornata a casa dal lavoro, completamente esausta. Accendi la televisione, ti butti sul divano e assisti al tuo programma preferito. Assapori quel momento di silenzio.

E in quel momento tuo figlio inizia a piagnucolare incessantemente. Vuole una fetta di torta al coccolato prima di cena. Tu gli dici di no.

“Me l’hai promesso!”, dice lui. “Hai detto che potevo mangiarla quando tornavi a casa”.

Tu gli dici di aspettare fino a dopo cena. Lui allora si mette davanti alla televisione: “La voglio adesso!”

Tu chiudi gli occhi e respiri. Forse conti fino a 10, ma tuo figlio alza il tono della voce: “Mi hai mentito! Ti ho aspettata tutto il giorno! Ti odio! Sei una stupida!”

Questo test di pazienza finisce per diventare un bullismo momentaneo. Tuo figlio ti sta aggredendo e screditando a livello verbale.

Cosa fai?

3 tattiche comuni di contrattacco

In genere, in momenti come questo i genitori scelgono una di queste tre risposte: resa, punizione o negoziato.

1. Resa

Non vale la pena di combattere tutte le battaglie. Arrendersi e dare a tuo figlio ciò che vuole a volte è una buona opzione, soprattutto se vuoi un po’ di pace. Ma quando il test della pazienza si trasforma in un assedio morale? In questo caso non devi mai cedere alle pressioni del bambino. Farlo equivarrebbe a ricompensare il suo comportamento abusivo. È un momento di insegnamento che offre la lezione sbagliata!

Ogni volta che ti arrendi all’assedio morale di tuo figlio, invii questo semplice messaggio: l’intimidazione funziona. La prossima volta che si sentirà frustrato per le sue restrizioni, ti intimidirà per ottenere ciò che vuole. Alla fine, gli hai insegnato che se insiste un po’ presto o tardi tu cederai.

2. Punizione

Quando tuo figlio mette in atto del bullismo nei tuoi confronti, è difficile non arrabbiarsi restituendo la provocazione. Possedere la forza di carattere per resistere al comportamento aggressivo di un bambino non è un capacità che nasce naturalmente. Come avviene con qualsiasi forma di autodominio, bisogna coltivarla.

Perder la calma, gridare e imporre a tuo figlio punizioni severe sono forme di contro-bullismo che creano una cultura di intimidazione in famiglia. I genitori che vincono le battaglie contro i loro figli in realtà ottengono vittorie amare: non ci sono vincitori né perdenti. Uno è felice e l’altro no.

I bambini che ricevono continuamente delle punizioni diventano sdegnosi e risentiti, e in seguito possono sorgere problemi di comportamento più gravi. Ad esempio, il bambino può
– diventare conflittuale e opporsi, in modo diretto o attraverso la resistenza silenziosa;
– interiorizzare la propria frustrazione e finire per sviluppare depressione o ansia;
– intensificare ancor di più le intimidazioni, ampliando i conflitti e turbando tutta la famiglia.

3. Negoziato

Ok, tuo figlio sta avendo una crisi. Se sei una madre attenta, ci penserai un attimo e considererai le tue opzioni. Cercherai di capire il suo punto di vista: ti ha aspettato tutto il giorno (ha aspettato la sua fetta di torta). E poi, quando sei finalmente tornata a casa, anziché salutarlo ti sei buttata sul divano, hai acceso la televisione e lo hai ignorato.

Risultato: è arrabbiato, e con il diritto di esserlo. E allora decidi di fare un accordo: gli dai metà della fetta di torta ora e l’altra metà dopo cena. Pensaci:
il negoziato è la scelta migliore in questo momento?
E se lui avanza una controproposta?
Supponi che continui a intimidirti esigendo tutta la fetta.

Il negoziato è una scelta frequente dei genitori, e l’intenzione di trovare un terreno comune con il figlio durante i conflitti non è una cattiva idea. Tu cedi un po’, lui cede un po’ e siete tutti contenti. Giusto?

Sì e no.

Quando il test della pazienza diventa un bullismo, il negoziato è da scartare. Quando negozi con un prepotente, prepari il terreno ad altri conflitti. Come la resa, il negoziato ricompensa il bullismo e allena tuo figlio a ripeterlo. La prossima volta che sarà frustrato per via delle restrizioni che ha tornerà a praticare il bullismo, perché questo porta al negoziato e il negoziato tende ad essere a lui favorevole.

Un altro problema del negoziato: il bambino può iniziare a pensare che tutto, anche il buon comportamento, sia negoziabile. Anziché fare qualcosa per i buoni sentimenti che produce quell’azione, finisce per fare le cose solo per avere una ricompensa. Ad esempio:
tua figlia chiede di essere pagata per rifarsi il letto;
tuo figlio si aspetta una ricompensa perché fa i compiti;
i tuoi figli chiedono del denaro per i bei voti.

Il buon comportamento non deve mai essere una merce di scambio. Il negoziato per ricompense sostituisce la conquista personale e provocherà una perdita di autostima nei tuoi figli. Anziché sviluppare l’autosufficienza e l’autonomia, finiscono per restare immaturi e attaccati ai genitori per la gratificazione che ricevono.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.