Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Dovremmo spingere i nostri figli ad aspirare alla perfezione?

student_ipad_school – 233

Brad Flickinger CC

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

William McKenna, MS - pubblicato il 17/02/16

Risponde l'esperto, prendendo spunto dagli insegnamenti della fede cattolica e della psicologia moderna

Domanda: Mi chiedevo se fosse equilibrato ambire alla perfezione. Come genitore, voglio che i miei figli abbiano successo nella vita, soprattutto a scuola, ma non voglio neanche mettere loro eccessiva pressione. È una cosa positiva quella di farli puntare alla perfezione?


Risponde William McKenna, volontario del centro IPS per i servizi psicologici e di diverse altre organizzazioni cattoliche di beneficenza.

Ottima domanda! Prima di rispondere, però, vorrei proporre una citazione di John Wooden, il famoso allenatore di basket della UCLA che ha portato la sua squadra a 10 vittorie di campionato in 12 anni: “La perfezione è ciò per cui stai lottando, ma raggiungerla è impossibile”.

Nella nostra cultura è radicata la mentalità di sforzarsi per essere perfetti in ogni ambito. Ogni cartellone pubblicitario ci dice che dobbiamo avere dei capelli perfetti, una macchina perfetta, un rapporto perfetto, dei voti perfetti, ecc. Nel mondo reale, però, come spiega l’allenatore Wooden, la perfezione è una cosa impossibile. Siamo circondati da standard impossibili da raggiungere. Non importa quanto duramente mi possa allenare ed applicare, non sarò mai un corridore olimpionico. Potrei essere in grado di aumentare la mia velocità rispetto a quella che è adesso, ma la realtà è che sono lento. Il mio corpo e il mio tipo di muscoli semplicemente non sono adatti ad essere un velocista.

Cosa facciamo con questa realtà? Dovremmo sederci ed accettare il fatto di non poter essere perfetti? Dobbiamo adeguarci all’idea che solo ciò che vedi è reale e che non è possibile fare di più? Assolutamente no!

C’è una seconda parte nella citazione dell’allenatore Wooden: “Tuttavia, la ricerca della perfezione non è una cosa impossibile. Fa’ il meglio possibile nelle condizioni esistenti. Questo è ciò che conta”.

Se ogni persona semplicemente accettasse qualsiasi condizione in cui si trovi, Thomas Edison (l’inventore più fecondo, con 1220 brevetti) non avrebbe provato e poi fallito oltre un migliaio di volte prima di riuscire – finalmente – a creare la lampadina; nessuno sarebbe mai salito in cima al Monte Everest e Michael Jordan non avrebbe mai avuto la carriera come giocatore di basket per cui è conosciuto.

Come genitore, sono sicuro che può essere facile desiderare che i tuoi figli diventino il meglio che possano essere. È davvero buono avere questo desiderio per loro e incoraggiarli ad essere sempre le migliori versioni di se stessi. È importante, però, ricordarsi di rimanere entro i limiti della realtà. Ogni persona, dal giorno in cui lui o lei entra in questo mondo, ha una serie distinta di DNA, una personalità unica e – in effetti – una chiamata per la vita (o vocazione). Il tuo lavoro come genitore è quello di educare i tuoi figli, di formarli e di dare loro gli strumenti per imparare il valore del duro lavoro e della virtù. Ciò significa che hai il diritto e il dovere di spingerli a lavorare sodo a scuola. È importante essere istruiti e sapere come utilizzare il cervello che Dio ci ha donato.

I bambini non hanno ancora gli strumenti per comprendere che fare quei problemi di matematica – o andare a basket quando non se ha voglia – vuol dire ottenere la capacità di gestire le sfide che arriveranno più tardi nella vita. È stato effettivamente studiato che i bambini che devono affrontare e superare le sfide hanno maggiori probabilità di essere più forti e resilienti – di fronte alle difficoltà che arrivano nell’età adulta – rispetto ai bambini che non lo fanno.

Un’altra cosa importante da ricordare è che ognuno di noi ha talenti diversi, diversi tipi di intelligenza, diversi corpi e diversi meccanismi di reazione.

Santa Teresa ha scritto nella sua autobiografia che, “se ogni piccolo fiore volesse essere una rosa, la primavera perderebbe la sua bellezza”. In altre parole, la differenza nei desideri e nelle abilità delle persone è ciò che rende il mondo interessante. Ho conosciuto un atleta a cui non importava nulla degli scarsi risultati ottenuti, e che ha ora una vita fantastica allenando i ragazzi del liceo o lavorando come general contractor.

Ho un cugino, ad esempio, che è un artista incredibile. Se gli deste un pezzo di legno e uno scalpello potrebbe scolpire quasi qualsiasi cosa immaginabile. Suo padre è uno psicologo brillante, un vero e proprio topo di biblioteca. Ha capito subito che mio cugino avesse un grande talento e così lo ha incoraggiato, fin dalla giovane età, ad iniziare a mettere all’opera quel talento. Con quella piccola spinta in più, è stato in grado di affinare le sue capacità e trasformare il suo talento grezzo in una competenza riconosciuta che sta diventando un business.

Concludendo, voglio ribadire il fatto che ogni persona è un individuo con talenti unici e con una vocazione specifica nella vita. Fai del tuo meglio per aiutare i bambini a scoprire in cosa sono bravi e cosa amano. Si possono raggiungere meglio sia la grandezza che il successo seguendo le proprie passioni. Non è facile, ed è per questo che è utile avere dei genitori che insegnino il valore del duro lavoro fin dalla tenera età. Sfidali a fare cose che sono importanti (come riuscire a fare quella complicatissima moltiplicazione), ma tieni a mente che forse il piccolo Johnny semplicemente non è fatto per eccellere in matematica. E va bene così. Aiutalo a imparare a fare del suo meglio in matematica in ogni caso, perché probabilmente incontrerà molte più equazioni nella sua vita e lui avrà bisogno di sapere come farle. Ma aiutalo anche a trovare ciò in cui è bravo e a lavorare sodo per eccellere in questo.

———

William McKenna, MS, è un volontario presso l’IPS Center for Psychological Services. L’Institute for the Psychological Sciences offre dei corsi in psicologia, sia online che in diverse strutture nell’area metropolitana di Washington DC. Visita www.ipsciences.edu per ulteriori informazioni.

[Traduzione dall’inglese a cura di Valerio Evangelista]

Tags:
perfezionepsicologia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni