Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco ai migranti: non lasciatevi rubare gioia di vivere.

DR /Aleteia
angelus pope francis
Condividi

Così il pontefice durante l'Angelus di oggi

Migliaia i migranti e rifugiati, di decine Paesi, riuniti a piazza S. Pietro, per celebrare il loro Giubileo, attraversare la Porta Santa e partecipare alla Messa nella basilica Vaticana. A loro Francesco si è rivolto con parole d’affetto:

“Cari migranti e rifugiati, ognuno di voi porta in sé una storia, una cultura, dei valori preziosi; e spesso purtroppo anche esperienze di miseria, di oppressione, di paura”.

“La vostra presenza in questa Piazza – ha detto loro il Papa – è segno di speranza in Dio”.

“Non lasciatevi rubare questa speranza e la gioia di vivere, che scaturiscono dall’esperienza della divina misericordia, anche grazie alle persone che vi accolgono e vi aiutano”.

Poi un grazie e un applauso speciale ai detenuti del carcere di Opera, a Milano, che hanno confezionato le ostie per la Messa dedicata ai migranti e rifugiati.

Quindi la preghiera per le vittime degli attentati, che hanno insanguinato, in questa settimana, le capitali Giacarta dell’Indonesia e Ougadougou del Burkina Faso.

“Il Signore le accolga nella sua casa, e sostenga l’impegno della comunità internazionale per costruire la pace”.

Il racconto, nel Vangelo domenicale del prodigio compiuto da Gesù alle nozze di Cana, ha ispirato la catechesi del Papa prima dell’Angelus.

“Nel miracolo di Cana – ha spiegato – vediamo un atto benevolenza di Gesù verso gli sposo, una benedizione di Dio sul matrimonio”.

“L’amore tra l’uomo e la donna è quindi una buona strada per vivere il Vangelo, cioè per incamminarsi con gioia sul percorso della santità”.

“Ma il miracolo di Cana non riguarda solo gli sposi”, ha ricordato Francesco. “Ogni persona umana è chiamata ad incontrare il Signore nella sua vita”.

“La fede attraversa tempi di gioia e di dolore, di luce e di oscurità, come in ogni autentica esperienza d’amore”.

“Gesu non si presenta a noi come un giudice pronto a condannare le nostre colpe; né come un comandante che ci impone di seguire ciecamente i suoi ordini”:

“ … si manifesta come Salvatore dell’umanità, come fratello, come il nostro fratello maggiore, Figlio del Padre: si presenta come Colui che risponde alle attese e alle promesse di gioia che abitano nel cuore di ognuno di noi”.

“Allora possiamo chiederci: davvero conosco il Signore così?”.

“Si tratta di rendersi conto che Gesù ci cerca e ci invita a fargli spazio nell’intimo del nostro cuore”.

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.