Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 21 Settembre |
San Matteo
home iconChiesa
line break icon

Per i peccati c’è la confessione. A cosa servono le indulgenze?

Hernán Piñera-CC

Catalunya Cristiana - pubblicato il 30/12/15

Cos'è questa storia dei “resti di peccato”?

Non capisco questa storia dei “resti di peccato” quando si parla delle indulgenze. Se il sacramento della Penitenza ci perdona del tutto, cosa resta da perdonare? Credo anche che sia impossibile la storia di un rifiuto totale del peccato, anche veniale, per ottenere l’indulgenza plenaria. Tutti siamo inclini al peccato…

Vedo che si è preso il disturbo di leggere quello che ho scritto. Riconosco che è molto difficile nello spazio del mio contributo dire tutto su una questione, ancor più quando si tratta di un tema piuttosto sconosciuto.

Cercherò di chiarirlo meglio. I nostri peccati comportano conseguenze gravi. È vero che quando li confessiamo nel sacramento del Perdono ci vengono perdonati, ma l’impronta del peccato richiede un lungo cammino di rigenerazione.

Si racconta che un Presidente degli Stati Uniti, per far capire al figlio le conseguenze delle nostre azioni, gli propose un esercizio. Gli diede un martello, un grande chiodo e una tavola di legno, e gli chiese se era capace di inchiodarlo.

Il bambino rispose che era molto facile, e senza problemi con due o tre martellate ben assestate inchiodò perfettamente il chiodo nella tavola. Il padre allora gli disse: “Molto bene, ora cerca di toglierlo, se ci riesci”. Il bambino faticò parecchio, e dopo un’ora riuscì a togliere il chiodo lasciando un grande buco nel legno.

Il padre gli disse: “Vedi, figlio mio, fare il male è facile, ma eliminarlo, quando non è impossibile, è molto difficile, e resta sempre la ferita”.

Papa Francesco lo spiega così: “Nonostante il perdono, nella nostra vita portiamo le contraddizioni che sono la conseguenza dei nostri peccati. Nel sacramento della Riconciliazione Dio perdona i peccati, che sono davvero cancellati; eppure, l’impronta negativa che i peccati hanno lasciato nei nostri comportamenti e nei nostri pensieri rimane”.

L’indulgenza, quindi, non riguarda il fatto di perdonare un peccato, ma di superare completamente le conseguenze negative del peccato. Si tratta di una realtà molto seria, lungi da un automatismo magico al margine della nostra ricerca sincera di Dio e del suo perdono, e che si traduce nella volontà di condurre una vita autenticamente evangelica e di riprendere il cammino. Non è semplicemente passare per una porta.

E in relazione al fatto che le sembri impossibile, le dirò che la Chiesa non ci chiede mai cose impossibili. Se anziché vedere questo rifiuto imprescindibile come un atto dell’emotività o dei sentimenti lo vede come un atto di pura determinazione e volontà, capirà che non è tanto difficile. E neanche troppo facile: è come se di fronte a un piatto che mangerebbe con gusto lei decidesse di non mangiarlo anche se comporta un sacrificio.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
confessionegiubileo della misericordiaindulgenzepeccato
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni