Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 04 Marzo |
San Casimiro
home iconNews
line break icon

Benvenuti nella Chiesa di CrossFit, parte della crescente spiritualità secolare dell’America

Crossfit Huntsville CC

John Burger - Aleteia - pubblicato il 03/12/15

Il popolo della Croce è meno ricettivo a livello comunitario del popolo di CrossFit?

Abbiamo tutti sentito parlare di persone che fanno qualcosa di secolare in modo “religioso”, e un settore della vita a cui si applica la questione è quello dello sport e della forma fisica.

Alcuni suggeriscono che la cultura che circonda le palestre potrebbe ricadere benissimo sotto l’ombrello della religione.

Il New York Times ha notato di recente che in una società sempre più secolare molte persone stanno applicando la propria sensibilità religiosa all’attività fisica. In una palestra CrossFit, sottolinea, si possono ritrovare molti parallelismi con la religione: i membri saltano fuori dal letto a orari antelucani per trascorrere un significativo periodo di tempo in un luogo di riunione con altre persone, eseguendo rituali che aiuteranno ad affrontare la quotidianità e lottando per “salvarsi”.

Questa “salvezza” potrebbe non essere dell’anima, ma a livello corporeo si potrebbe parlare di una sorta di salvezza.

“Salviamo vite, e ne salviamo tante”, ha affermato Greg Glassman, cofondatore di CrossFit. “L’anno prossimo 350.000 americani moriranno per il fatto di stare sempre seduti sul divano. È pericoloso. La televisione è pericolosa. Fare esercizio no”.

Di recente Glassman ha pronunciato una conferenza dal titolo CrossFit as Church?!, organizzata dagli studenti della Harvard Divinity School Casper ter Kuile e Angie Thurston, autori di How We Gather, uno studio sugli spazi alternativi rispetto alle chiese che fungono da comunità spirituali.

“CrossFit è famiglia, risate, amore e comunità”, ha dichiarato ai ricercatori Ali Huberlie, ex allieva 27enne di Harvard che è stata intervistata per lo studio. “Non riesco a immaginare la mia vita senza le persone che vi ho incontrato”.

La Huberlie si alza ogni mattina alle 4.45 per andare in palestra e lavorare per due ore.

Ma questa è una religione? Il Times sostiene che sia difficile dire cosa ne costituisce una.

“Riguarda il fatto di credere in una divinità? L’ebraismo e il cristianesimo ce l’hanno, ma molte forme di buddismo no. Vita dopo la morte? I mormoni ci credono, ma moltissimi protestanti liberali no”.

La Huberlie ha parlato della sua palestra come altri potrebbero parlare di una chiesa o di una sinagoga. Lo stesso vale per alcuni membri del programma dei 12 passi e dei fan sfegatati del football universitario. In un’America sempre più secolare, ogni tipo di attività e sottocultura fornisce il significato che in passato avevano le comunità religiose, almeno per come ce lo immaginiamo.

“Quello che ci ha davvero colpito è il modo in cui la gente porta i figli in palestra”, ha detto ter Kuile, “o il modo in cui vari esercizi della giornata sono stati chiamati con il nome di soldati morti in battaglia. Ci sono tutte quelle cose che ci si aspetterebbe di vedere in una chiesa – ricordare i defunti attraverso qualche tipo di rituale, e una comunità intergenerazionale”.

Rebecca Lane Frech concorda sul fatto che a CrossFit c’è una comunità vitale. Blogger sul portale cattolico Patheos, la Frech è un’istruttrice della sua palestra.

“Due anni fa, mia figlia di nove anni ha avuto una commozione cerebrale e si è rotta la mascella in due punti in un incidente”, ha ricordato in un’intervista. “Ho chiamato la mia chiesa e la mia palestra Crossfit. C’è voluto più di un mese perché qualcuno della mia parrocchia mi richiamasse, mentre le persone della palestra quello stesso pomeriggio erano a casa mia e si prendevano cura degli altri miei figli, ancor prima che tornassimo dall’ospedale. Ci hanno portato cibo per due settimane e si sono prese cura della mia famiglia”.

“Vado in parrocchia per Dio, ma trovo fratellanza nella mia palestra”, ha detto la Frech.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
L’ostia “vola” sospesa in aria: il miracolo eucaristi...
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
4
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
7
Lucandrea Massaro
Benedetto XVI conferma la fedeltà a Francesco «Non ci sono due Pa...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni