Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il caos, dopo tutto, non è la fine del mondo! Come trasformare il dramma in un’occasione

Public Domain
Condividi

Meditazione sul Vangelo della Prima domenica di Avvento

Vi saranno segni nel sole, nella luna e nelle stelle, e sulla terra angoscia di popoli in ansia per il fragore del mare e dei flutti, mentre gli uomini moriranno per la paura e per l’attesa di ciò che dovrà accadere sulla terra. Le potenze dei cieli infatti saranno sconvolte. Allora vedranno il Figlio dell’uomo venire su una nube con grande potenza e gloria. Quando cominceranno ad accadere queste cose, risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina.State attenti a voi stessi, che i vostri cuori non si appesantiscano in dissipazioni, ubriachezze e affanni della vita e che quel giorno non vi piombi addosso all’improvviso; come un laccio infatti esso si abbatterà sopra tutti coloro che abitano sulla faccia di tutta la terra. Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell’uomo (Lc 21,25-36).

La nostra vita attraversa inevitabilmente tempi di confusione e di caos. Tempi in cui perdiamo i nostri punti di riferimento. Tempi in cui finiscono le cose importanti. Sono momenti della vita in cui ci sentiamo attraversati dalla paura e dall’angoscia, ci sentiamo precipitare nel vuoto.

Accade quando perdiamo una persona cara, accade quando finisce una relazione su cui abbiamo scommesso, accade quando ci sentiamo traditi o quando la malattia e la sofferenza bussano alla nostra porta.

E ci sono tempi in cui la confusione e il caos non sono solo nostri, ma li condividiamo con gli altri: come questo nostro tempo attraversato da minacce che non possiamo controllare. Avvertiamo un pericolo senza sapere esattamente dove sia. Abbiamo affidato ad altri la nostra vita e non possiamo farne a meno.

Il caos è ciò che non ha forma. È qualcosa di de-forme, di brutto, e inevitabilmente spaventa. Eppure tutto inizia con il caos. Il caos è una possibilità. Anche la creazione inizia con il caos: non c’erano punti di riferimento, né sole, né luna, né stelle.

Forse è proprio a quel caos iniziale che sta facendo riferimento Gesù in questo suo ultimo discorso. E forse non a caso è il suo ultimo discorso. Alla fine si dicono sempre le cose più importanti e soprattutto si cerca di ricordare come tutto è iniziato: il caos diventò bellezza,kosmos. Dio non mise solo in ordine, ma diede forma (sia kosmos in greco che forma in latino hanno a che fare con la bellezza, kosmos ha la stessa radice di cosmeticaforma rimanda a formosus, bello). Potrà Dio ridare forma al caos della mia vita ancora una volta? È questa la domanda nel tempo dell’apocalisse, cioè nei tempi apocalittici che attraversano inevitabilmente la nostra vita.

La fine è sempre un tempo drammatico: ti chiedi se hai detto tutto, se hai scritto quello che volevi, se forse potevi dirlo diversamente. Ma ormai la pagina è finita. Occorre concludere, affinché un nuovo capitolo possa iniziare. Se il chicco di grano non muore…non ci può essere novità, se non decidiamo di accogliere la fine. Spesso le relazioni, come le guerre, si trascinano: accettiamo di mietere vittime, pur di non chiedere l’armistizio.

Accogliere la fine è impossibile, crudele, se lo sguardo non sa vedere oltre. Se lo sguardo rimugina tra le pagine già scritte, senza contemplare il bianco del nuovo quaderno, senza gustare la bellezza di una parola che ora comincia ad essere scritta, come un germoglio, impossibile da contemplare nel suo silenzioso sbocciare.

E pur di non guardare lo spazio dell’ultima pagina che diventa sempre più breve, preferiamo addormentarci. Quante cose preferiamo non vedere! Appena nato, il bambino si rifugia nel sonno per affrontare la fatica di questo mondo in cui improvvisamente è venuto a trovarsi. E così continuiamo a fare. Abbiamo elaborato la strategia del sonno per difenderci dalla durezza della vita. Viviamo addormentati, chiusi nelle nostre fantasie. La vita ci passa addosso e noi continuiamo a dormire. Forse non è un caso che, con insistenza, Gesù ci inviti nel Vangelo a svegliarci e ad essere vigilanti. In fondo, chi dorme non vive pienamente la vita, Gesù invece ci invita a riprendere in mano la nostra vita.

E quando non ci addormentiamo, ci stordiamo. Ci ubriachiamo di contatti, ci sgoliamo le bottiglie del piacere, ci appesantiamo con i nostri lamenti senza fine. Abbiamo smesso di cercare il senso delle cose. Ci limitiamo ad usarle. La vita ci scivola addosso.

Il tempo della confusione e del caos ci scuote, genera paura e angoscia: la vita richiede la nostra attenzione. Il tempo in cui tutto crolla può essere anche il tempo della liberazione. Può essere il tempo del risveglio e della lucidità. L’apocalisse è il tempo della rivelazione, ma innanzitutto della rivelazione di quello che ci portiamo dentro, delle nostre paure e dei nostri desideri. Se dunque qualcosa sta finendo nella nostra vita, evitiamo di ubriacarci o di metterci a letto in una stanza buia, ma cominciamo a pensare come può iniziare il prossimo capitolo che vogliamo scrivere.

 

Leggersi dentro

  • Come vivi i tempi in cui qualcosa di importante finisce nella tua vita?
  • Provi a reagire o ti sconforti?
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni