Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Santi Andrea Kim, Paolo Ghong e 101 compagni
home iconStorie
line break icon

Il diario di una ragazza che ha ritrovato Dio dopo la strage di Parigi

STR/AFP

A young couple stands in front of illuminated waters with the colors of the French national flag on November 16, 2015 to pay tribute to victims of the attacks claimed by Islamic State which killed at least 129 people and left more than 350 injured on November 13. AFP PHOTO / STRINGER / AFP / STR

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 24/11/15

Da cinque anni Camilla aveva tagliato i contatti con gli amici ciellini. Durante gli attentati perde un caro amico, ma poi accade qualcosa…

Ha ritrovato Dio dopo averlo smarrito per cinque lunghi anni. Ed è riemerso più che vivo che mai in una giornata indimenticabile. Quella in cui un suo caro amico ha perso la vita in uno degli attentati di Parigi.

Camilla è riuscita ancora a sorridere nonostante sapesse della scomparsa di Guillaume. «Un collega è venuto a chiedermelo: “Come fai a ridere? Hai perso un amico, stai aspettando la data dei funerali, come fai a essere così?”. L’ho guardato e ho risposto: “Perché c’è Uno che la morte l’ha vinta. E dopo cinque anni è tornato a urlarmi in faccia che le cose non le faccio io».

DALLA SORBONA AL CANDELARIA
Camilla, racconta Tracce.it (23 novembre), è nata a Bologna 26 anni fa e lavora in uno dei locali più in di Parigi, il cocktail bar Candelaria. Era venuta nella capitale francese a studiare alla Sorbona ma l’approccio non era stato dei migliori perché stava vivendo un brutto periodo personale. Essendo vicina al movimento Comunione e Liberazione, inizialmente aveva frequentato gli altri ragazzi ciellini a Parigi, in particolare Silvio, il responsabile. Poi, da oltre cinque anni aveva chiuso i ponti con tutti. Si era sposata ed aveva avuto anche un figlio, per poi divorziare.

TRE GIORNI INDIMENTICABILI
Oggi abita in un appartamento sopra “Le Petit Cambodge”, uno dei ristoranti in cui i terroristi hanno fatto strage il 13 novembre. Lei però, quella sera, non si trova a casa, ma è con un’amica a 20 minuti di distanza. Il fidanzato dell’amica le passa a prendere e porta tutti fuori città. Iniziano tre giorni che le cambiano la vita.

QUEL MESSAGGIO A GUILLAUME
Il giorno dopo gli attentati Camilla resta a casa degli amici con cui era uscita la sera del 13 novembre. Durante la giornata riceve una telefonata. «Mi dicono: “C’è una brutta notizia”. In quel momento mi ricordo che tra i 350 messaggi WhatsApp mandati e ricevuti, ce n’era uno a cui non avevo ricevuto risposta: “Guillaume, tutto ok?”». Ma lui non ha mai potuto rispondere a quel messaggio perché era stato trucidato fuori da “La Belle equipe”, uno dei luoghi delle stragi. 

IL SORRISO DOPO LE LACRIME
La notizia la sconvolge. «Avverto un dolore fortissimo, accompagnato però da una letizia sorprendente. Improvvisamente mi trovavo di fronte a un fatto che non stavo facendo io. Ho guardato alla mia vita, c’erano lì i miei amici, che mi ospitavano, perché era ancora troppo presto per rientrare a casa mia. Quello era un fatto. Capivo che nulla era più in mano mia e qualcosa di bello stava accadendo. Non ero sola». Dopo due ore passate in lacrime, Camilla esce di casa e, per le strade di una Francia in preda alla paura, va a fare la spesa. Vuole preparare una bella cena per lei e i suoi amici.

  • 1
  • 2
Tags:
parigiterrorismo

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
6
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
7
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni