Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il diario di una ragazza che ha ritrovato Dio dopo la strage di Parigi

STR/AFP
A young couple stands in front of illuminated waters with the colors of the French national flag on November 16, 2015 to pay tribute to victims of the attacks claimed by Islamic State which killed at least 129 people and left more than 350 injured on November 13. AFP PHOTO / STRINGER / AFP / STR
Condividi

Da cinque anni Camilla aveva tagliato i contatti con gli amici ciellini. Durante gli attentati perde un caro amico, ma poi accade qualcosa…

Ha ritrovato Dio dopo averlo smarrito per cinque lunghi anni. Ed è riemerso più che vivo che mai in una giornata indimenticabile. Quella in cui un suo caro amico ha perso la vita in uno degli attentati di Parigi.

Camilla è riuscita ancora a sorridere nonostante sapesse della scomparsa di Guillaume. «Un collega è venuto a chiedermelo: “Come fai a ridere? Hai perso un amico, stai aspettando la data dei funerali, come fai a essere così?”. L’ho guardato e ho risposto: “Perché c’è Uno che la morte l’ha vinta. E dopo cinque anni è tornato a urlarmi in faccia che le cose non le faccio io».

DALLA SORBONA AL CANDELARIA
Camilla, racconta Tracce.it (23 novembre), è nata a Bologna 26 anni fa e lavora in uno dei locali più in di Parigi, il cocktail bar Candelaria. Era venuta nella capitale francese a studiare alla Sorbona ma l’approccio non era stato dei migliori perché stava vivendo un brutto periodo personale. Essendo vicina al movimento Comunione e Liberazione, inizialmente aveva frequentato gli altri ragazzi ciellini a Parigi, in particolare Silvio, il responsabile. Poi, da oltre cinque anni aveva chiuso i ponti con tutti. Si era sposata ed aveva avuto anche un figlio, per poi divorziare.

TRE GIORNI INDIMENTICABILI
Oggi abita in un appartamento sopra “Le Petit Cambodge”, uno dei ristoranti in cui i terroristi hanno fatto strage il 13 novembre. Lei però, quella sera, non si trova a casa, ma è con un’amica a 20 minuti di distanza. Il fidanzato dell’amica le passa a prendere e porta tutti fuori città. Iniziano tre giorni che le cambiano la vita.

QUEL MESSAGGIO A GUILLAUME
Il giorno dopo gli attentati Camilla resta a casa degli amici con cui era uscita la sera del 13 novembre. Durante la giornata riceve una telefonata. «Mi dicono: “C’è una brutta notizia”. In quel momento mi ricordo che tra i 350 messaggi WhatsApp mandati e ricevuti, ce n’era uno a cui non avevo ricevuto risposta: “Guillaume, tutto ok?”». Ma lui non ha mai potuto rispondere a quel messaggio perché era stato trucidato fuori da “La Belle equipe”, uno dei luoghi delle stragi. 

IL SORRISO DOPO LE LACRIME
La notizia la sconvolge. «Avverto un dolore fortissimo, accompagnato però da una letizia sorprendente. Improvvisamente mi trovavo di fronte a un fatto che non stavo facendo io. Ho guardato alla mia vita, c’erano lì i miei amici, che mi ospitavano, perché era ancora troppo presto per rientrare a casa mia. Quello era un fatto. Capivo che nulla era più in mano mia e qualcosa di bello stava accadendo. Non ero sola». Dopo due ore passate in lacrime, Camilla esce di casa e, per le strade di una Francia in preda alla paura, va a fare la spesa. Vuole preparare una bella cena per lei e i suoi amici.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni