Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 12 Giugno |
Cuore Immacolato
home iconStile di vita
line break icon

Non c’è più religione…o forse sì?

Paolo Pegoraro - Credere - pubblicato il 19/11/15

«Precisiamo le parole. Non studiamo le “religioni” ma la religione cattolica, per la stessa ragione per cui studiamo la letteratura italiana e la filosofia greca e non la letteratura della Nuova Guinea o la filosofia thailandese. Il programma ministeriale prevede cenni sulle altre religioni – soprattutto sui grandi monoteismi – ma al centro resta quella chiave di comprensione dell’Occidente che è il cristianesimo».

Qualcuno ha cambiato la tua immagine dell’ora di religione?

«Domenico Gorgolini, il mio prof delle medie. Persona che sapeva fare il suo mestiere, ma anche molto di più. Era paziente, tanto. Uomo un po’ goffo, oggetto dell’ironia di noi ragazzi delle medie, ma la sua bontà e disponibilità mi hanno segnato. Nell’oblio indifferenziato che spesso è la scuola, restano poche cose importanti. O meglio, non cose: restano le persone. Mi è rimasto dentro per il suo tratto umano».

Come sei finito a calcare le sue orme?

«Un po’ per caso. Laureato in legge, dopo undici anni di lavoro in banca avevo raggiunto un ottimo stipendio e una noia mortale. Per prendere una boccata d’aria cominciai a studiare alla Gregoriana e, con il diploma, seppi che potevo insegnare religione. Era una cosa che avevo sempre desiderato fare, senza rendermene conto. Per prudenza presi un anno di aspettativa, ma mi divertii subito. Il rapporto e la fatica con i ragazzi mi conquistarono. Lasciai la banca. Insegno da quindici anni».

Dalla banca ai banchi di scuola. E dopo di te…

«Mia moglie. Vedendomi rifiorire – e con degli orari di lavoro più umani – si decise anche lei. Chiuse i rapporti con un’agenzia di assicurazioni, prese il titolo e ora insegna religione alle medie. Cosa che io non riuscirei mai a fare!».

Le delusioni più profonde del mestiere?

«In alcuni casi ritrovo a scuola situazioni che speravo chiuse in banca, contesti dove la noia della burocrazia non lascia scampo. Quest’anno mi hanno affidato la “funzione strumentale dell’orientamento”, basta il nome per mettermi angoscia!».

E le gioie più grandi?

«Il lavoro dell’insegnante è un lavoro da seminatore. Ogni tanto hai la percezione di vedere qualche germoglio e questo ti emoziona veramente. Pensi che forse ce ne sono tanti, solo che non li vedi».

In fondo, neppure il professor Gorgolini poteva immaginare che lo avresti seguito…

«Proprio così. A volte un ex studente ti dice: “Non dimenticherò mai quella lezione in cui lei ci disse…”. E tu hai il buio più completo. Magari a dirtelo è quello studente che dormiva, o almeno, avevi solidi indizi per crederlo. Ecco, questa gioia è impagabile».

Vuoi condividerne una?

«Tempo fa un mio articolo venne ripreso da un blog anticlericale e fui attaccato come il “classico prof di religione che indottrina gli studenti”. Non ne sapevo nulla, me lo dissero i ragazzi. Risposi di lasciar perdere. Anonimamente, una studentessa gli scrisse una lunga risposta. Diceva all’incirca: “Io non credo, ma partecipo alle lezioni del prof. Monda, perché non inculca nulla. Perché ci educa a pensare. Ma soprattutto… perché è l’unico professore che quando ci incontra nei corridoi ci saluta e ci chiede come va”».

Una lezione-una puntata alla settimana di 30 minuti; la messa in onda segue il calendario scolastico: dunque da ottobre a maggio, con le pause natalizie e pasquali, ogni lunedì alle 19.30 (in replica domenica alle 9:20).

  • 1
  • 2
Tags:
insegnareora di religionetv
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Gelsomino Del Guercio
Strano cerchio bianco sulla testa del Papa. Il video diventa vira...
3
Histórias com Valor
Bambino uscito dal coma: ho visto la mia sorellina abortita
4
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
5
Claudio De Castro
Sono andato a Messa distratto, e Gesù mi ha dato una grande lezio...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni