Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Dipingere una storia di martirio quando il sangue è stato appena versato

Used with the permission of Nikola Saric
Condividi
Commenta

Un iconografo ortodosso serbo racconta di essere stato ispirato da un'esecuzione dell'ISIS e delle sue speranze per gli assassini

I 21 cristiani copti decapitati dallo Stato Islamico in Libia erano stati uccisi solo da poche settimane quando la Chiesa ortodossa copta li ha dichiarati santi martiri.

Le immagini della loro decapitazione sulla costa mediterranea del Nordafrica hanno scioccato il mondo, e hanno colpito profondamente un iconografo ortodosso serbo che vive in Germania, e ora l’icona che ha dipinto è stata messa all’asta perché i proventi possano aiutare le famiglie delle 21 vittime.

Nikola Sarić spera anche che vedendo l’icona, intitolata “Santi Martiri della Libia”, la gente preghi per la conversione dei terroristi.

Sarić, nato nel 1985 a Bajina Bašta, in Serbia, ha studiato all’Accademia della Chiesa Ortodossa Serba per le Arti e la Tutela.

Dal 2011 vive e lavora nella città tedesca di Hannover. Ha parlato con Aleteia via Skype.

Come le è venuta l’idea di realizzare un’icona su questi martiri?

Ho visto le fotografie e ho letto della storia su Internet, e ovviamente, come molte altre persone, mi hanno colpito. Pensavo a loro, e l’idea è venuta spontaneamente.

Penso che sia stata anche dovuta al rispetto e all’amore nei loro confronti. È stata una questione personale. Ci ho pensato e ho sviluppato l’idea, come qualsiasi altra nel mio lavoro. Penso a una cosa e questa con il tempo si costruisce da sé.

Può dirci qualcosa di più su di lei e sul suo lavoro?

Vengo dalla Serbia e ho il mio studio qui ad Hannover. Dipingo principalmente motivi religiosi. Ho studiato iconografia a Belgrado, all’Accademia delle Arti Ecclesiali.

I temi religiosi mi interessano. Molti aspetti mi interpellano a livello personale, come persona che vede queste storie nella sua vita quotidiana e ne trae delle conclusioni. Sono universali e mi ispirano, e le interpreto. Spero che attraverso le mie opere qualcuno venga attirato da queste storie e tragga la propria interpretazione.

Cosa intende quando dice che è una persona che vede queste storie nella sua vita quotidiana?

Ci imbattiamo in queste storie nella liturgia o per fede, e ci penso. Sono storie su di noi, sulla gente, sul mondo, su ciò che è buono e ciò che è cattivo, su Dio e sul rapporto tra Dio e l’uomo e tra i popoli. Sono universali e senza tempo.

Può dirci qualcuna delle cose che ha pensato e ha provato mentre realizzava questa icona dei 21 martiri?

La storia e le immagini mi sono entrate nel cuore – sono di grande impatto. È in qualche modo una storia che conosciamo già dalla storia dei martiri. Stare davanti a Dio e davanti a Cristo ed esserne fieri, rimanendo in quell’amore, è l’esempio più potente. Questo tipo di storie mi colpisce in modo molto personale, e significa molto per me come cristiano. Ho sviluppato un amore nei loro confronti, e da ciò è derivata l’idea, ma è molto difficile analizzare come ci sono arrivato. È un po’ il mio stile, sviluppato in molti anni di studio e che è ancora in fase di sviluppo. Il linguaggio visivo è molto simile alle mie altre opere. Si costruisce da sé.

Nell’icona lei ha incluso gli aguzzini. Fanno ovviamente parte della storia, ma ha pensato in qualche momento di escluderli?

Includere gli aguzzini, questi terroristi, questi omicidi è qualcosa che non è nuovo nella narrazione visiva, soprattutto nell’iconografia, inclusi quelli che uccidono martiri. Dall’altro lato, è anche una sorta di documento di ciò che è accaduto: queste persone hanno ucciso questepersone. È documentare la storia di come è avvenuto… Possiamo immaginarla senza di loro, ma avrebbe un senso del tutto diverso, un punto di vista differente. Sono lì, e questo racconta la storia dell’orrore, l’assassinio di qualcuno. Ma è anche la storia di vita e la storia di comunicazione e rapporto tra Cristo e i martiri, per cui penso che sia positivo che ci siano entrambi gli aspetti della storia.

Spera che le persone che guardano l’icona e pregano con l’icona possano magari pregare per la conversione degli aguzzini?

Penso che sarebbe la cosa giusta, pregare per tutti. Preghiamo per i nostri nemici e per chi fa il male contro di noi. Siamo invitati a pregare per chiunque. Sarei contento se succedesse – se uno degli aguzzini cambiasse punto di vista e si pentisse per ciò che ha fatto.

 

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Top 10 d’Aleteia
  1. I più letti
    |
    I più condivisi
  2. Gelsomino Del Guercio/Lucandrea Massaro/Aleteia
    L’Italia concede la cittadinanza ad Alfie!
  3. Giovanni Marcotullio/Aleteia
    Alfie, il giudice, l’insulto e la …
  4. Gelsomino Del Guercio/Lucandrea Massaro/Aleteia
    L’Italia concede la cittadinanza ad Alfie!
  5. Giovanni Marcotullio/Aleteia
    Alfie, il giudice, l’insulto e la …
  6. Costanza Miriano/Il blog di Costanza Miriano
    Il NHS è come un idolo al quale si offrono …
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni