Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Bagheria, negozianti si ribellano alla mafia

© Public Domain
Condividi

Decapitato il clan del pizzo

Tutti, dai centri scommesse alle botteghe artigiane; dai negozi di abbigliamento ai bar, pagavano il pizzo e alcuni lo facevano senza battere ciglio da decenni. Fino a quando alcuni di loro hanno deciso di dire ‘basta’ e si sono rivolti ai carabinieri che al termine di alcuni mesi di indagine hanno messo a segno un durissimo colpo al racket delle estorsioni nel Palermitano e smantellato un intero clan. L’operazione dei comando provinciale di Palermo si chiama non a caso “Reset 2” e in manette sono finiti 22 capi e gregari del mandamento mafioso di Bagheria, ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsione, sequestro di persona, danneggiamento a seguito di incendio. Le indagini, condotte dal Nucleo investigativo di Palermo, con il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia, hanno mostrato quanto soffocante fosse la pressione di temutissimi capi mafia che, dal 2003 al 2013, si sono succeduti ai vertici del clan. Una cinquantina le estorsioni documentate grazie alla dettagliata ricostruzione fornita da 36 imprenditori locali che hanno trovato il coraggio, dopo decenni di silenzio, di ribellarsi al giogo del pizzo. Le pressioni, seppure concentrate sul settore dell’edilizio, non risparmiavano nessuna attivita’ economica locale, dai negozi di mobili e di abbigliamento, agli ingrosso di frutta e di pesce, ai bar, alle sale giochi, ai centri scommesse.

Il sindaco, a fianco delle imprese che si ribellano – L’amministrazione comunale di Bagheria “si congratula con l’Arma dei Carabinieri per la vasta operazione che ha condotto con la collaborazione di 36 imprenditori bagheresi che si sono ribellati alla richiesta di pizzo da parte degli estorsori. Quanto ho auspicato, una citta’ normale, una citta’ basata sulla legalita’, pian piano si sta realizzando”. Lo dice il sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque: “Il mio plauso va alle Forze dell’ordine ma ancora di piu’ ai 36 miei concittadini che hanno trovato il coraggio di denunciare, di non farsi intimidire, di voler lavorare serenamente nella legalita’ e senza gioghi. L’amministrazione sara’ sempre dalla vostra parte con azioni. E’ un momento importante per Bagheria che vede affermare la legalità sul crimine. Il mio appello va a tutti i cittadini: non ci fermiamo, continuiamo a perseguire, in qualsiasi campo, ciò che e’ giusto e legale per noi e per l’intera comunità”.

 

QUI L’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.