Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconArte e Viaggi
line break icon

This War of Mine, il videogioco in cui tutti sono vittime

(c) 11bitstudios

Forum Libertas - pubblicato il 26/10/15

Che ne direste di mettere i giocatori nei panni di chi soffre? Le vittime sono i protagonisti perché la guerra può tirar fuori il peggio di noi, ma anche il meglio

Alcuni dei videogiochi attuali di maggior successo sono quelli ambientati in contesti di guerra: Halo, Call of Duty o Titanfall. Gli obiettivi si misurano in morti e spazi conquistati o difesi. Si promuovono la violenza e la guerra, e i protagonisti sono quelli che fanno la guerra ma non contemplano chi la subisce.

Ma cosa accadrebbe se anziché essere gli aguzzini diventaste le vittime?

Un nuovo videogioco, This War of Mine (“Questa mia guerra”), offre la prospettiva contraria nei classici giochi di guerra tanto popolari. In questo contesto, tutti sono vittime e devono sopravvivere in un contesto di devastazione.

Cosa fareste in una situazione estrema?

“In guerra non tutti sono soldati” è il motto del nuovo videogioco, e questa frase viene portata alle massime conseguenze. Cosa succederebbe se rimaneste senza servizi di base, senza acqua, senza cibo, senza medicinali, senza famiglia, e se l’unica cosa che vi resta fosse sopravvivere?

“La guerra è un catalizzatore. Non tira fuori solo il peggio di noi, ma anche il meglio di noi”, dice il trailer di This War of Mine, in cui si può scegliere di essere una vittima che applica i valori della solidarietà o no. E voi, cosa scegliete?

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
guerravittime
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni