Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 22 Settembre |
San Maurizio
home iconArte e Viaggi
line break icon

This War of Mine, il videogioco in cui tutti sono vittime

(c) 11bitstudios

Forum Libertas - pubblicato il 26/10/15

Che ne direste di mettere i giocatori nei panni di chi soffre? Le vittime sono i protagonisti perché la guerra può tirar fuori il peggio di noi, ma anche il meglio

Alcuni dei videogiochi attuali di maggior successo sono quelli ambientati in contesti di guerra: Halo, Call of Duty o Titanfall. Gli obiettivi si misurano in morti e spazi conquistati o difesi. Si promuovono la violenza e la guerra, e i protagonisti sono quelli che fanno la guerra ma non contemplano chi la subisce.

Ma cosa accadrebbe se anziché essere gli aguzzini diventaste le vittime?

Un nuovo videogioco, This War of Mine (“Questa mia guerra”), offre la prospettiva contraria nei classici giochi di guerra tanto popolari. In questo contesto, tutti sono vittime e devono sopravvivere in un contesto di devastazione.

Cosa fareste in una situazione estrema?

“In guerra non tutti sono soldati” è il motto del nuovo videogioco, e questa frase viene portata alle massime conseguenze. Cosa succederebbe se rimaneste senza servizi di base, senza acqua, senza cibo, senza medicinali, senza famiglia, e se l’unica cosa che vi resta fosse sopravvivere?

“La guerra è un catalizzatore. Non tira fuori solo il peggio di noi, ma anche il meglio di noi”, dice il trailer di This War of Mine, in cui si può scegliere di essere una vittima che applica i valori della solidarietà o no. E voi, cosa scegliete?

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
guerravittime
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
5
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
6
Padre Ignacio María Doñoro de los Ríos
Francisco Vêneto
Il cappellano militare che si è finto malvivente per salvare un b...
7
SERENITY
Octavio Messias
4 suggerimenti contro l’ansia
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni