Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 02 Marzo |
Sant'Agnese di Boemia
home iconNews
line break icon

«La mia chiesa è la periferia di Buenos Aires»

Quotidiano Meeting - pubblicato il 21/08/15

Padre Carlos “Charly” Olivero racconta la vita nelle baraccopoli argentine: «Qui si capisce il “retroterra” di papa Francesco»

di Davide Giuliani

«Dio mi mandi dove vuole, ma io non vorrei nessun altro posto rispetto a quello dove sono ora. Ho bisogno di restare nelle villas». Padre Carlos “Charly” Olivero parla così della periferia di Buenos Aires, dove tra poveri e bisognosi vive da oltre dieci anni. Più delle parole, però, quello che colpisce è la faccia con cui racconta di sé e della sua vita di tutti i giorni; un’esperienza che oggi sarà al centro dell’incontro “Una comunità alle periferie: la Chiesa villera a Buenos Aires”.
Il volto di Charly, infatti, è quello di chi affronta con semplicità quello che molti fuggono e così vi scopre ciò che dà senso all’esistenza.

Violenza, droga e prostituzione. Come vive la Chiesa in una delle zone più pericolose della capitale argentina?
Non è solo questo. È vero, la villas 21-24 ha l’indice di omicidi più grande di tutto il Paese e c’è un grande problema con il narcotraffico, ma noi riconosciamo la ricchezza di quanti vi abitano. Ricchezze che c’entrano con lo sguardo cristiano e che si esprimono nel culto, nelle celebrazioni, in una dimensione sociale e comunitaria che è più grande di quella del resto di Buenos Aires. Noi qua al Meeting vogliamo trasmettere questa vitalità, la ripresa della religiosità cristiana con la fede trasmessa di padre in figlio.

Che cosa l’ha spinta a entrare per la prima volta nelle villas?
Era il 2002 e io ero in seminario quando Bergoglio, allora arcivescovo di Buenos Aires, ha introdotto l’idea che potevamo avere cammini di formazione personalizzati. Io mi sentivo “chiuso” all’interno del seminario, così chiesi ai superiori di poter andare a vivere nelle villas, quartieri da cui non mi sono più staccato. All’inizio ero spinto dall’ideale di spendere la mia vita tra i poveri aiutandoli in problemi come l’integrazione o il lavoro, una donazione totale. Quando sono arrivato lì, però, ho iniziato a vivere: il modo di relazionarsi affettuoso, lindo, bello tra gli abitanti mi ha dato modo di scoprire la mia povertà, tanto che oggi mi riconosco bisognoso di loro. Faccio fatica a vivere se non abbracciato da questo amore.

Lì, poi, ha conosciuto l’opera di padre Pepe di Paola.
Sì, all’inizio era il mio parroco. È stato lui a insegnarmi a essere un prete cura villeros, concependo la parrocchia non soltanto come la chiesa, ma come il quartiere. Noi dobbiamo rispondere di tutte le persone che sono nel barrio, non c’è una responsabilità che non sia nostra. Ora lui si è dovuto trasferire, ma rimane sempre parte dello staff degli “Hogar de Cristo”, centri di recupero per tossici nelle villas.

Ecco, ci parli del compito di questa vostra opera missionaria.
La situazione dei ragazzi che consumano il paco (la droga a basso prezzo ottenuta dal residuo chimico della lavorazione della cocaina, ndr) è drammatica. Quando cominci ad assumere questa sostanza, per 7/10 giorni sei costretto a prenderla ogni cinque minuti. Finito questo periodo seguono altri 3 giorni in cui non riesci a fare niente. La dipendenza da essa è molto forte e così la gente fa di tutto per potersi permettere l’acquisto di altre dosi: rubano, si prostituiscono, vendono tutto quello che hanno, compresi i vestiti e i documenti. Ma quello che è peggio è la perdita di tutti i rapporti umani, a cominciare dalla famiglia. Noi andiamo a cercare queste persone. Papa Francesco parla di “primerear”, arrivare prima: questo è quello che facciamo. Dopo questo primo passo occorre coinvolgersi con loro: entrati in rapporto, cominciamo a cercare risposte ai loro problemi più elementari, come i trattamenti in ospedale, la ricerca di un alloggio o l’affrontare i guai con la giustizia. Alcuni degli assistiti poi collaborano con noi nell’aiutare altri ragazzi ancora.

  • 1
  • 2
Tags:
meeting di riminimeeting di rimini 2015povertà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Sanctuary of Merciful Love
Bret Thoman, OFS
Le acque guaritrici profetizzate da una suora del XX secolo
2
FUMETTI MATRIMONIO DIO
Catholic Link
5 immagini su cosa accade in un matrimonio che ha Dio al centro
3
Philip Kosloski
Perché i cattolici non mangiano carne i venerdì di Quaresima?
4
POPE AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il diluvio è il risultato dell’ira di Dio, può arrivarne...
5
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
6
POPE FRANCIS AUDIENCE
Ary Waldir Ramos Díaz
Perché dobbiamo fare il segno della croce nei momenti di pericolo...
7
Communion
Claudio De Castro
Comunione: si ha tra le mani il Figlio di Dio, e serve rispetto
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni