Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dalla parte delle donne per superare il trauma dell’aborto

<a href="http://www.shutterstock.com/pic.mhtml?id=175017815&src=id" target="_blank" />Mother and her son having a devotional outdoors</a> © Rmnoa357 / Shutterstock
Condividi

La Vigna di Rachele, una esperienza di apostolato a Bologna, sperimenta una nuova metodologia

L'ESPERIENZA DEL RITIRO
La "metodologia" avviene generalmente tramite un ritiro spirituale di 3 giorni che include la presenza continua di sacerdote e psicologa. Ascolto e accoglienza sono due parole chiavi del percorso. La Vigna utilizza una varietà di efficaci esercizi che permettono all'anima di esprimere il lutto e il dolore. «Questi esercizi aiutano a mettere in comunicazione i partecipanti con la propria voce interiore, tra di loro, e con l'amore e la compassione di Dio. Gli esercizi del ritiro aiutano i partecipanti ad accettare il perdono per se stessi e gli altri». 

UMANITA' E FRATELLANZA
Il weekend è un lavoro intenso, «ma coloro che vorranno viaggiare attraverso il proprio lutto proveranno il potere della resurrezione nelle loro vite. Essi troveranno un significato in ciò che è accaduto e permetteranno a Dio di trasformare l'esperienza in qualcosa che dà speranza, liberazione e pace». Monika tiene a sottolineare anche questo aspetto: "Partecipanti ed equipe fanno parte dello stesso Corpo Sofferente di Cristo. L'esperienza di vivere un lutto per il bambino abortito è una cosa normale e non richiede sempre una cura clinica".

DONNE TORNANO PROTAGONISTE
«Non siamo un movimento, ma un servizio», aggiunge Monika, che poi evidenzia le numerose esperienze di donne e coppie che hanno beneficiato della Vigna. Un'esperienza che si protrae poi nell'accompagnamento della persona anche dopo il weekend. Alcune delle donne che hanno partecipato al percorso oggi fanno parte delle equipes operative. 

LA SCOPERTA DI DANIELA
Una di queste è Daniela, che scopre la Vigna di Rachele su internet (circa l'80 per cento degli utenti la raggiungono attraverso il sito web), contatta la coordinatrice e partecipa al ritiro spirituale. «Lì ho vissuto un'esperienza risanatrice…Sapevo che Dio mi aveva perdonato ma lì durante quei giorni di Grazia ho compreso che dovevo chiedere perdono anche alla mia bambina, perché le avevo fatto del male e le avevo impedito di  vivere la sua vita. L'ho fatto…Le ho chiesto perdono, l'ho affidata a Dio e l'ho accolta nella mia vita». 

"LA MIA BAMBINA VIVE"
Ed ecco, sottolinea Daniela, «un dolore nuovo, sano, che nasce dalla sua mancanza…ma anche una gioia nuova, inaspettata che nasce dalla sua presenza. Ho ritrovato la mia bambina e conseguentemente me stessa. Ho compreso che con Gesù davvero non finisce tutto con la morte, né per noi, né per i nostri  bambini… Loro vivono, la mia bambina vive nel Signore e questo mi riempie di speranza e di  gioia…». 

L'ESPERIENZA DI RAFFAELLA
Spiega Raffaella, ora nello staff della Vigna, ma con alle spalle un drammatico aborto: «Mi sono ritrovata sola con il mio dolore, non l'ho potuto condividere con nessuno, tanto meno con la mia famiglia. Poi mi è capitato di vedere un opuscoletto della Vigna, dove si spiegava che si proponeva un'esperienza per condividere il dramma dell'aborto, un'esperienza tra l'altro in un ambiente cattolico, rassicurante. Ho conosciuto Monika, una persona speciale e ho risentito man mano fiducia parlando con lei. Ho trovato quello che cercavo nel ritiro alla Vigna: condividere la propria storia con altre persone che avevano vissuto la mia stessa esperienza, venendo ascoltati».

"SONO RINATA"
La donna ritrova «serenità e ottimismo» dopo la tappa alla Vigna. «Per otto anni, dopo l'aborto, praticamente non ho vissuto, non avendo mai rielaborato quel lutto generato con l'aborto. Mi hanno spinto solo i miei altri due figli. Ma era un tirare avanti. Alla Vigna c'è stata una rinascita. E dopo un anno, Monika mi ha dato la possibilità di collaborare con la Vigna – sottolinea Raffaella – anche perché avevo voglia di condividere la mia rinascita con altre persone che si trovano nella mia stessa situazione. Adesso sono nello staff della Vigna e sono entusiasta di contribuire a risollevare queste persone».
 

Per ulteriori informazioni: http://www.VignadiRachele.org; oppure chiamare Monika: 099.7724.518 (coordinatrice nazionale); Email: info.vignadirachele@yahoo.it. Ogni richiesta d’informazione verrà trattata con il massimo rispetto per la privacy personale.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni