Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
Sant'Anselmo d'Aosta (e di Canterbury)
home iconStile di vita
line break icon

L’incoraggiamento di due genitori per chi ha perso un figlio

Malgorzata Kistryn

Punto Famiglia - pubblicato il 10/08/15

Due anni fa Raffaella era in attesa di una nuova vita, ma qualcosa è andato storto...

di Raffaella e Eddie Muolo

La verità è che a nessuno gliene frega niente, che la vita non conta, che sei un bambino solo dopo 28 settimane e prima soltanto un embrione. Quando, con il dolore nel cuore decidi di seppellire tuo figlio, ti chiedono tutti se ne sei sicura. Non sono mai stata tanto convinta, mi fa male l’anima e vorrei tanto che passasse, che ci fosse qualcosa che toglie il dolore. Dicono che il tempo sana e allora spero che passi in fretta, perché fa troppo male. Mi sento sola e confusa, mi fa male lo stomaco, mi manca il respiro, e intanto tutto va avanti come se nessuno sentisse il mio dolore. Solo Eddie è con me.

Una notte di qualche settimana fa, nel dormiveglia ho avuto una strana sensazione come se qualcuno si fosse seduto sul letto, qualcuno che voleva dirmi qualcosa, ma non trovava le parole. L’indomani, era l’8 settembre, ho deciso di chiamare il medico, avevo dei forti dolori alla pancia e non passavano. Il giorno successivo ero nel suo studio, percepivo che qualcosa non andava. «Non c’è battito mi dispiace» mi ha detto il mio medico e per me il mondo si è fermato. Si è fermato tutto. Silenzio. Non ci credevo. Io ti volevo figlio mio. Continuavo a ripetermi, ti volevo con tutto il cuore. Sei nella mia pancia, ma io ti ho sempre portato nel cuore, non puoi volare via, non prima che ti abbia tenuto tra le braccia, non prima di averti dato un bacio, non puoi lasciarmi così amore mio. Ti ho cercato e quando ti ho trovato sei volato via, ma perché tutto questo dolore?

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO

Tags:
morte
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni